Edilizia: in G.U. le nuove norme antincendio per la progettazione, costruzione ed esercizio degli Asili nido

E’ stato pubblicato sulla G.U. n. 174 del 29 luglio 2014 ed entrerà in vigore il 29 agosto 2014, il Decreto 16 luglio 2014 del Ministero dell’Interno, rubricato “Regola tecnica di prevenzione incendi per la progettazione, costruzione ed esercizio degli Asili nido”.

Il Decreto, nell’Allegato tecnico, abbraccia la tematica della prevenzione degli incendi nei nidi a 360 gradi, spaziando dalle caratteristiche costruttive alla formazione antincendio del personale, dagli impianti elettrici alla predisposizione di piani di emergenza, dai sistemi di allarme all’ubicazione delle scuole.

Tali disposizioni trovano applicazione:

a)      nei nuovi Asili nido con oltre 30 persone presenti;

b)      negli Asili nido, con oltre 30 persone presenti, che sono giá esistenti alla data di entrata in vigore del Decreto in commento ma che sono oggetto di ristrutturazione, anche parziale, o ampliamento.

Segnaliamo alcune delle disposizioni introdotte dalla norma in commento:

–          eventuali piani interrati degli Asili non possono essere destinati alla presenza dei bambini;

–          in caso di presenza di piú di un piano fuori terra, i volumi devono essere suddivisi in compartimenti antincendio di superficie singola non superiore a 1000 metri quadrati (600 se l’Asilo è inserito in edifici di tipo misto);

–          eventuali corridoi ciechi non possono avere lunghezza superiore a 15 metri;

–          le uscite da ciascun piano/compartimento devono essere almeno 2 e devono essere raggiungibili con percorsi alternativi;

–          è obbligatoria la presenza di un sistema di allarme che diffonda avvisi e segnali attraverso canali diversi di percezione sensoriale (segnali acustici e ottici e/o messaggi visivi).


Tags assigned to this article:
Edilizia

Related Articles

Scioglimento per infiltrazione mafiosa: valutazione non atomistica dei fatti

Nella Sentenza n. 4026 del 17 giugno 2019 del Consiglio di Stato, i Giudici chiariscono che la valutazione ai fini

Operazioni di acquisto di immobili: solo se comprovate documentalmente l’indispensabilità e l’indilazionabilità

Nella Delibera n. 154 del 21 ottobre 2015 della Corte dei conti Piemonte, un Sindaco chiede di sapere se l’usufrutto

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.