Edilizia: in G.U. tre Decreti Mise sull’efficienza energetica negli edifici

Edilizia: in G.U. tre Decreti Mise sull’efficienza energetica negli edifici

 

Sulla G.U. n. 162 del 15 luglio 2015 (S.O. n. 39) sono stati pubblicati 3 Decreti del Ministero dello Sviluppo economico, tutti datati 26 giugno 2015, con i relativi Allegati, che completano il quadro normativo in materia di efficienza energetica negli edifici.

I Decreti, che entreranno in vigore dal 1º ottobre 2015 e sono approvati di concerto con i Ministeri dell’Ambiente, delle Infrastrutture, della Salute e della Difesa, sono rubricati come segue:

  • Applicazione delle metodologie di calcolo delle prestazioni energetiche e definizione delle prescrizioni e dei requisiti minimi degli edifici”;
  • Schemi e modalità di riferimento per la compilazione della relazione tecnica di progetto ai fini dell’applicazione delle prescrizioni e dei requisiti minimi di prestazione energetica negli edifici”;
  • Adeguamento del Decreto del Ministro dello Sviluppo economico 26 giugno 2009 – Linee guida nazionali per la certificazione energetica degli edifici”.

Il primo Dm. definisce le modalità di applicazione della metodologia di calcolo delle prestazioni energetiche degli edifici, incluso l’utilizzo delle fonti rinnovabili, nonché le prescrizioni e i requisiti minimi in materia di prestazioni energetiche degli edifici e unità immobiliari. Gli interventi di questo si applicano agli edifici pubblici e privati, siano essi edifici di nuova costruzione o edifici esistenti sottoposti a ristrutturazione.

Il secondo chiarisce gli schemi e le modalità di riferimento per la compilazione della relazione tecnica di progetto, in funzione delle diverse tipologie di lavori: nuove costruzioni, ristrutturazioni importanti, interventi di riqualificazione energetica.

Con il terzo Decreto, infine, si intende favorire l’applicazione omogenea e coordinata dell’attestazione della prestazione energetica degli edifici e delle unità immobiliari su tutto il territorio nazionale.

In particolare, il Dm. definisce:

  • le “Linee guida” nazionali per l’attestazione della prestazione energetica degli edifici;
  • gli strumenti di raccordo, concentrazione e cooperazione tra lo Stato e le Regioni;
  • la realizzazione di un sistema informativo comune per tutto il territorio nazionale per la gestione di un catasto nazionale degli attestati di prestazione energetica e degli impianti termici.

Related Articles

Tributi locali: adottato dal Mef l’aggiornamento della stima delle capacità fiscali dei Comuni

E’ stato reso noto sul sito web del Dipartimento delle finanze il Decreto Mef 13 maggio 2016, in attesa di

Vendita di tabacchi: più semplice ottenere il patentino nei Comuni fino a 2.000 abitanti

Per consentire una migliore distribuzione della vendita di tabacchi lavorati nei Comuni di piccole dimensioni, sono stati ritoccati al ribasso