Elezioni europee e amministrative: il Viminale formalizza la già nota data del 26 maggio 2019 per entrambe le consultazioni

Elezioni europee e amministrative: il Viminale formalizza la già nota data del 26 maggio 2019 per entrambe le consultazioni

Le prossime Elezioni amministrative si terranno il 26 maggio 2019, in concomitanza con le consultazioni per l’Elezione dei membri del Parlamento europeo spettanti all’Italia, mentre eventuali ballottaggi per l’Elezione diretta dei Sindaci si svolgeranno – come di consueto – dopo 2 settimane, quindi domenica 9 giugno 2019.

A formalizzare l’ormai ampiamente nota data della prossima maxitornata elettorale è stato il Ministero dell’Interno con i Decreti 20 marzo 2019 (di indizione del turno ordinario annuale delle Elezioni amministrative 2019) e 22 marzo 2019 (relativo invece alle Elezioni europee).

La tornata elettorale 2019 interesserà un totale di 3.829 Comuni italiani, poco meno della metà, e chiamerà alle urne una platea di 17.352.082 potenziali elettori.

In particolare, si segnalano tra gli Enti coinvolti 5 Comuni Capoluogo di Regione (Firenze, Bari, Perugia, Potenza e Campobasso) e 22 Comuni Capoluogo di Provincia (Ascoli Piceno, Avellino, Bergamo, Biella, Caltanissetta, Cremona, Ferrara, Foggia, Forlì, Lecce, Livorno, Modena, Pavia, Pesaro, Pescara, Prato, Reggio nell’Emilia, Rovigo, Sassari, Verbania, Vercelli e Vibo Valentia).

Il grosso dei Comuni nei quali si svolgeranno le Amministrative fanno parte di Regioni a Statuto ordinario (3.675) ma la tornata lambirà anche Trentino Alto Adige, Friuli Venezia Giulia, Sicilia e Sardegna, che vedranno complessivamente 189 Enti coinvolti.

L’elenco completo degli Enti toccati dalle Amministrative, diramato dal Viminale il 25 marzo scorso, è consultabile qui: https://dait.interno.gov.it/documenti/elenco_enti_amministrative_2019_.pdf.

Si precisa che, sempre in tema di consultazione, nei giorni scorsi il Ministero dell’Interno ha diffuso sul proprio sito istituzionale:

 


Related Articles

Appalti: è inammissibile il ricorso promosso in via diretta contro il bando ove non siano impugnate clausole “escludenti”

  La contestazione immediata del bando di gara può essere operata solo ove in esso siano presenti clausole che impediscano

Consorzio stabile: la perdita di requisiti durante la gara da parte di una Consorziata esecutrice comporta l’esclusione dalla procedura

Nella Sentenza n. 2537 del 26 aprile 2018 del Consiglio di Stato, i Giudici si esprimono sulla legittimità dell’esclusione dalla

Turn over: per il triennio 2016-2018 è ridotta la capacità assunzionale

L’art. 16, comma 9, del “Ddl. Stabilità 2016” prevede che le Regioni e gli Enti Locali sottoposti al Patto di

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.