Errore materiale nell’offerta: è emendabile solo quello che può essere percepito o rilevato ictu oculi

Errore materiale nell’offerta: è emendabile solo quello che può essere percepito o rilevato ictu oculi

Consiglio di Stato, Sentenza n. 5638 del 2 agosto 2021

Nella Sentenza in epigrafe indicata, i Giudici chiariscono che nelle gare pubbliche l’errore materiale nell’offerta consiste in una fortuita divergenza fra il giudizio e la sua espressione letterale, cagionata da mera svista o disattenzione nella redazione dell’offerta che deve emergere ictu oculi. A tal fine, è ammissibile la rettifica di errori contenuti nell’offerta presentata in sede di gara a condizione che si tratti di correzione di errore materiale, necessariamente riconoscibile, e che non si sostanzi in operazioni manipolative e di adattamento dell’offerta, risultando altrimenti violati la par condicio, l’affidamento nelle regole di gara e le esigenze di trasparenza e certezza. In proposito l’errore materiale direttamente emendabile è soltanto quello che può essere percepito o rilevato ictu oculi, dal contesto stesso dell’atto e senza bisogno di complesse indagini ricostruttive di una volontà agevolmente individuabile e chiaramente riconoscibile da chiunque.

In particolare, a fini della rettifica occorre che a questa si possa pervenire con ragionevole certezza, e, comunque, senza attingere a fonti di conoscenza estranee all’offerta medesima o a dichiarazioni integrative o rettificative dell’offerente. Si ricava dai Principi così elaborati che l’errore deve sostanziarsi in un mero refuso materiale riconoscibile ictu oculi della lettura del documento d’offerta. Che la sua correzione deve a sua volta consistere nella mera riconduzione della volontà (erroneamente) espressa a quella, diversa, inespressa ma chiaramente desumibile dal documento, pena altrimenti l’inammissibile manipolazione o variazione postuma dei contenuti dell’offerta, con violazione del Principio della par condicio dei concorrenti e che tale complessiva operazione deve fondarsi su elementi (identificativi dell’errore) desumibili dall’atto stesso, non già da fonti esterne.


Related Articles

Relazione annuale Presidenti Regioni e Province autonome su Sistema controlli interni 2020: emanate le Linee-guida e il relativo Questionario

La Corte dei conti, Sezione Autonomie, con la Delibera n. 12 del 21 luglio 2021, ha approvato le Linee-guida relative alla

“Decreto Semplificazioni”: il Parere del Presidente Anac esposto nel corso di una Audizione alla Camera dei Deputati

Il 15 giugno 2021, presso la VIII Commissione della Camera dei Deputati, si è svolta l’Audizione del Presidente dell’Anac, Giovanni

Abitazioni di lusso: escluse dal calcolo le superfici non abitabili  

La Ctr Firenze, con la Sentenza n. 1881 del 30 settembre 2014, ha affermato che, per stabilire se la singola

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.