Expo Dubai, Terna al padiglione Italia con ‘Driving Energy’

Expo Dubai, Terna al padiglione Italia con ‘Driving Energy’

“Terna è partner di Padiglione Italia a Expo 2020 a Dubai ed esporrà un’opera d’arte che si chiama ‘Driving Energy’: un’installazione di grandi dimensioni, realizzata con materiali sostenibili, che vuole rappresentare il sistema di trasporto dell’energia elettrica. I driver che ci guidano sono tre: sostenibilità, innovazione e digitalizzazione. Pilastri del Piano di sviluppo 2021 di Terna, attualmente in fase consultiva, che vede un grande rilancio nel mondo infrastrutturale delle reti, con investimenti per oltre 18 miliardi di euro nei prossimi 10 anni”. Così Francesco Del Pizzo, direttore Strategie di sviluppo rete e dispacciamento di Terna, intervenendo al forum “La bella energia dell’Italia”, organizzato in vista di Expo Dubai, a Roma presso il Palazzo dell’Informazione, sede del Gruppo Adnkronos. 

“Il ruolo della rete nella transizione energetica è strategico e abilitante – continua – Abbiamo davanti una grande sfida: realizzare nei prossimi 10 anni almeno 60mila MW di nuove capacità rinnovabili in Italia. Quest’energia dovrà essere trasportata dal Sud, dove c’è maggiore disponibilità di risorse naturali, al Nord, dove si registrano consumi più elevati. Gli investimenti di Terna sono tutti sostenibili e focalizzati sulla possibilità di abilitare la transizione energetica nel nostro Paese. Un impegno che va realizzato in modo intelligente, non soltanto con infrastrutture funzionali allo sviluppo delle fonti rinnovabili e alla decarbonizzazione, ma anche attraverso progetti di innovazione e digitalizzazione in cui crediamo fortemente. Driving Energy è il nostro motto – ha concluso Del Pizzo – e rappresenta proprio questo: investimenti sostenibili, digitalizzazione della rete, innovazione e sviluppo di grandi infrastrutture”. 


Related Articles

Sostenibilità, Pmi attente nella comunicazione ma indietro su investimenti

Molta consapevolezza dell’importanza della sostenibilità, attenzione ai consumatori e alla comunicazione, ma ancora molte aziende non sono pronte a fare

“Scarto plastico può diventare prodotto di valore”

Una barca a vela realizzata con materiale riciclato MyReplast – Trade mark di NextChem (Gruppo Maire Tecnimont). Questa è Beluga

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.