“F24 Enti pubblici”: dal 7 gennaio 2016 possibile l’utilizzo per compensazioni “orizzontali”

“F24 Enti pubblici”: dal 7 gennaio 2016 possibile l’utilizzo per compensazioni “orizzontali”

Con Provvedimento 1° dicembre 2015, l’Agenzia delle Entrate ha approvato delle modifiche al Modello di versamento “F24 Enti pubblici” ed alle relative specifiche tecniche.

Nella Sezione “Dettaglio versamento” è stata inserita la colonna degli “Importi a credito compensati”, per consentire agli Enti pubblici, nella veste di sostituti d’imposta, di effettuare il recupero in compensazione, nelle modalità previste dall’art. 17, comma 1, del Dlgs. n. 241/97, delle somme rimborsate ai percipienti a seguito di assistenza fiscale, nonché le eccedenze di versamento di ritenute e imposte sostitutive (art. 15 del Dlgs. n. 175/14).

Le disposizioni del presente Provvedimento avranno effetto a decorrere dal 7 gennaio 2016; viene comunque mantenuta la possibilità per i sostituti d’imposta di usufruire delle specifiche tecniche precedenti per la trasmissione telematica dei versamenti all’Agenzia delle Entrate fino al 30 giugno 2016.

La novità introdotta dal Provvedimento consentirà progressivamente di utilizzare in compensazione, con Modello “F24EP”, invece che con Modello “F24” ordinario, anche gli altri crediti d’imposta maturati, tra cui ad esempio anche il credito Iva, in modo tale da poter utilizzare sempre, per qualunque tipo di compensazione “orizzontale”, gli stessi codici tributo previsti appositamente per gli Enti Pubblici, facilitando così anche i controlli automatizzati da parte dell’Agenzia delle Entrate ed evitando, come spesso è accaduto in questi ultimi anni, da quando è stato introdotto il Modello “F24EP”, errate segnalazioni di omessi versamenti nei casi in cui il sistema “non legge” i diversi codici tributo.

La nuova versione del Modello e le relative specifiche tecniche sono allegate al Provvedimento, mentre l’unico limite è, a quanto sembra, come già avviene per l’attuale Modello “F24EP”, l’impossibilità ad avvalersi di intermediari abilitati per l’invio telematico. L’Agenzia diffonderà comunque le istruzioni per la compilazione in un prossimo documento di prassi.


Related Articles

Diritti di rogito del Segretario: il nuovo regime giuridico opera per i contratti rogati dopo l’entrata in vigore del Dl. n. 90/14

Nella Delibera n. 21 della Corte dei conti Lazio, un Sindaco ha inoltrato una richiesta di parere riguardante l’interpretazione delle

Concorsi: per il corretto inoltro della domanda tramite Pec vale la data di invio da parte del concorrente

Nella Sentenza n. 12002/2020 del Tar Lazio, i Giudici affermano che, in un concorso per il “Pubblico Impiego”, deve essere

Elezioni amministrative: il Viminale fissa al 10 giugno 2018 la data per le consultazioni nelle Regioni a Statuto ordinario

Le prossime Elezioni amministrative si terranno il 10 giugno 2018, mentre eventuali ballottaggi per l’elezione diretta dei Sindaci si svolgeranno