Fallimenti: può il Comune proporre domanda di insinuazione tardiva per recuperare i propri crediti Imu?

Fallimenti: può il Comune proporre domanda di insinuazione tardiva per recuperare i propri crediti Imu?

Il testo del quesito:

Il Concessionario dell’attività di accertamento tributi per conto del Comune ha emesso 2 avvisi di accertamento Imu, notificati a mezzo raccomandata con avviso di ricevimento rispettivamente a febbraio e a luglio del 2014. Il contribuente non ha eseguito il pagamento nei termini e, quindi, è stato inoltrato un sollecito di pagamento relativo al primo avviso notificato, a mezzo raccomandata rifiutata dal destinatario. Successivamente è stato inoltrato un ulteriore sollecito, anch’esso a mezzo raccomandata, nel gennaio del 2015.

Nel corso dell’espletamento delle procedure di riscossione coattiva è emerso che il contribuente risulta fallito dal maggio 2014.

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Ici: efficacia del classamento per fabbricati strumentali all’esercizio dell’attività agricola

Corte di Cassazione, Ordinanza n. 18113 del 14 settembre 2016 Nell’Ordinanza in commento, la Corte ha premesso che è principio

Pubblico impiego: la spesa media per i dipendenti comunali è 27.621 Euro, contro i 34.772 di quelli regionali

Con il Comunicato-stampa 1° agosto 2016, la Corte dei conti rende noto quanto espresso dalla Sezione Autonomie nella Delibera n.

“Fondo salario accessorio”: i chiarimenti del Mef in merito alle risorse escluse dal limite

La Ragioneria generale dello Stato, con il Parere Prot. n. 257831/2018 richiesto da una Regione, ha fornito un puntuale riepilogo