Fallimenti: può il Comune proporre domanda di insinuazione tardiva per recuperare i propri crediti Imu?

Fallimenti: può il Comune proporre domanda di insinuazione tardiva per recuperare i propri crediti Imu?

Il testo del quesito:

Il Concessionario dell’attività di accertamento tributi per conto del Comune ha emesso 2 avvisi di accertamento Imu, notificati a mezzo raccomandata con avviso di ricevimento rispettivamente a febbraio e a luglio del 2014. Il contribuente non ha eseguito il pagamento nei termini e, quindi, è stato inoltrato un sollecito di pagamento relativo al primo avviso notificato, a mezzo raccomandata rifiutata dal destinatario. Successivamente è stato inoltrato un ulteriore sollecito, anch’esso a mezzo raccomandata, nel gennaio del 2015.

Nel corso dell’espletamento delle procedure di riscossione coattiva è emerso che il contribuente risulta fallito dal maggio 2014.

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Ici: l’esenzione ex art. 7, comma 1, lett. i), Dlgs. n. 504/92, non opera in caso di utilizzo indiretto dell’immobile da parte dell’Ente proprietario

Nell’Ordinanza n. 23925 dell’11 ottobre 2017 della Corte di Cassazione, la questione controversa in esame riguarda un avviso di accertamento

Arconet: forniti chiarimenti circa la contabilizzazione delle anticipazioni di Tesoreria non rimborsate a fine anno

È stata pubblicata sul Portale Arconet la Faq n. 29 del 26 marzo 2018, con la quale sono fornite indicazioni

“Decreto Milleproroghe 2020”: le novità più rilevanti per gli Enti Locali

È stato pubblicato sulla G.U. n. 305 del 31 dicembre 2019 il “Decreto Milleproroghe 2020” (Dl. n. 162/2019) recante “Disposizioni