Fallimenti: può il Comune proporre domanda di insinuazione tardiva per recuperare i propri crediti Imu?

Fallimenti: può il Comune proporre domanda di insinuazione tardiva per recuperare i propri crediti Imu?

Il testo del quesito:

Il Concessionario dell’attività di accertamento tributi per conto del Comune ha emesso 2 avvisi di accertamento Imu, notificati a mezzo raccomandata con avviso di ricevimento rispettivamente a febbraio e a luglio del 2014. Il contribuente non ha eseguito il pagamento nei termini e, quindi, è stato inoltrato un sollecito di pagamento relativo al primo avviso notificato, a mezzo raccomandata rifiutata dal destinatario. Successivamente è stato inoltrato un ulteriore sollecito, anch’esso a mezzo raccomandata, nel gennaio del 2015.

Nel corso dell’espletamento delle procedure di riscossione coattiva è emerso che il contribuente risulta fallito dal maggio 2014.

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Cosap: Giudice competente per l’impugnazione del rifiuto di esenzione

Con la Sentenza n. 10317 del 28 luglio 2015, il Tar Lazio si è espresso sul caso di un contribuente

Trasmissione trimestrale dei dati delle fatture: opzione o obbligo di invio trimestrale previsto dal Dl. n. 193/16, qual è la scelta da fare?

Con il Comunicato-stampa 9 dicembre 2016, l’Agenzia delle Entrate ha reso noto che dal 13 dicembre scorso è possibile aderire

Notifica: cartella a mezzo posta senza relata di notifica

Nella Sentenza n. 4567 del 6 marzo 2015 della Corte di Cassazione, i Giudici affermano che, in tema di notificazione