Fallimenti: può il Comune proporre domanda di insinuazione tardiva per recuperare i propri crediti Imu?

Fallimenti: può il Comune proporre domanda di insinuazione tardiva per recuperare i propri crediti Imu?

Il testo del quesito:

Il Concessionario dell’attività di accertamento tributi per conto del Comune ha emesso 2 avvisi di accertamento Imu, notificati a mezzo raccomandata con avviso di ricevimento rispettivamente a febbraio e a luglio del 2014. Il contribuente non ha eseguito il pagamento nei termini e, quindi, è stato inoltrato un sollecito di pagamento relativo al primo avviso notificato, a mezzo raccomandata rifiutata dal destinatario. Successivamente è stato inoltrato un ulteriore sollecito, anch’esso a mezzo raccomandata, nel gennaio del 2015.

Nel corso dell’espletamento delle procedure di riscossione coattiva è emerso che il contribuente risulta fallito dal maggio 2014.

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Posizione organizzativa: la revoca dell’incarico non comporta il demansionamento

La Corte di Cassazione, con la Sentenza n. 6367 del 30 marzo 2015, rileva che nell’attuale sistema normativo, al conferimento

Revisori Enti Locali: verso l’introduzione della quarta fascia e di meccanismi che favoriscano l’estrazione di chi non ha avuto incarichi

Introduzione di una quarta fascia professionale che consentirà di essere estratti nei Comuni con più di 50.000 abitanti, nelle Province

“Decreto Enti Locali”: negli emendamenti Anci, rimborso spese Uffici giudiziari e ristoro gettito Imu 2015 su terreni agricoli montani

Ristoro delle spese pregresse sostenute dai Comuni per le sedi degli Uffici giudiziari (la richiesta è di 30 milioni annui