Finanza pubblica: notificata la mancata conversione del “Decreto Salva Regioni”

Finanza pubblica: notificata la mancata conversione del “Decreto Salva Regioni”

Con un Comunicato pubblicato sulla G.U. n. 10 del 14 gennaio 2016, il Ministero della Giustizia ha notificato la mancata conversione del Dl. 23 novembre 2015, n. 179 (c.d. Decreto Salva Regioni).

Il Decreto, rubricato “Disposizioni urgenti in materia di contabilità e di concorso all’equilibrio della finanza pubblica delle Regioni” ed entrato in vigore il 15 novembre 2015, aveva definito le modalità di contabilizzazione delle anticipazioni di liquidità concesse alle Regioni ai sensi del Dl. n. 35/13, assicurando il ripianamento dell’eccesso di spesa sanitaria attraverso la restituzione dello stesso da parte delle Aziende farmaceutiche in modo da attribuire al Ssn entrate che realizzassero l’equilibrio di finanza pubblica.

La mancata conversione non ha prodotto alcun effetto, in quanto le disposizioni in oggetto sono state introdotte nel testo della “Legge di stabilità 2016” e sono pertanto tuttora vigenti.


Related Articles

Accertamento catastale: riclassamento

Nell’Ordinanza n. 8725 dell’11 maggio 2020 della Corte di Cassazione, i Giudici di legittimità chiariscono che, in tema di estimo

Bando di gara: vige la regola del tempus regit actum

Nella Sentenza n. 4529 del 30 aprile 2020 del Tar Lazio, i Giudici affermano che il bando di gara, avente

“Spending review”: no all’erogazione di somme per sponsorizzare una squadra, anche se pattuite per valorizzare l’immagine dell’Ente

Tar Sardegna, Sentenza n. 1023 del 23 settembre 2015 Nella controversia in questione, una Società calcistica stipula con un’Agenzia regionale