Finanziamento mediante mutuo per pagare risarcimento danni per condanna: appropriazione illegittima suolo da parte dell’Ente

Finanziamento mediante mutuo per pagare risarcimento danni per condanna: appropriazione illegittima suolo da parte dell’Ente

Nella Delibera n. 124 del 19 maggio 2015 della Corte dei conti Puglia, un Sindaco chiede se è possibile finanziare mediante l’accensione di un mutuo gli importi liquidati in Sentenza a titolo di risarcimento dei danni subìti dal proprietario di un bene per l’appropriazione illegittima del bene da parte dell’Ente. La Sezione afferma che la tipologia di investimento definita dall’art. 3, comma 18, lett. e) della Legge n. 350/03 in materia di acquisizione di aree, espropri e servitù onerose non può estendersi sino a ricomprendere ogni eventuale ulteriore onere o costo aggiuntivo determinatosi in seguito anche ad eventuali Pronunce dell’Autorità giudiziaria e pertanto, alla luce della legislazione vigente, deve ritenersi consentito il ricorso all’indebitamento esclusivamente per le spese riferite alle indennità di esproprio, mentre deve escludersi la possibilità di finanziare mediante indebitamento ulteriori oneri quali eventuali spese legali, spese per consulenze tecniche di ufficio, fattispecie di risarcimento del danno o eventuali interessi maturati.

Corte dei conti Puglia – Delibera n. 124 del 19 maggio 2015


Related Articles

Produzione estratto di ruolo con la relata di notifica: è prova dell’avvenuta notifica della cartella di pagamento

Corte di Cassazione, Sezione V, Sentenza n. 6913 del 17 marzo 2017   Per la Corte di Cassazione, il Concessionario

“Codice dell’Amministrazione digitale”: modalità per l’accreditamento dei soggetti che si occupano di conservazione digitale dei documenti

L’Agenzia per l’Italia digitale (Agid) ha reso note, con la Circolare n. 65 del 10 aprile 2014, pubblicata sulla G.U.

Elezioni amministrative 2018: pubblicato il Vademecum Anci volto a supportare i Comuni coinvolti

In vista delle imminenti Consultazioni elettorali, che interesseranno oltre 700 Comuni, l’Associazione nazionale dei Comuni italiani ha diffuso il “Vademecum