“Fondo sperimentale di riequilibrio”: ripartite tra Città metropolitane e Province le risorse 2020

“Fondo sperimentale di riequilibrio”: ripartite tra Città metropolitane e Province le risorse 2020

Con il Decreto 9 aprile 2020, pubblicato sulla G.U. n. 100 del 16 aprile 2020, emanato dal Ministero dell’Interno di concerto con il Ministero dell’Economia e delle Finanze, è stato ripartito tra le Città metropolitane e le Province delle Regioni a Statuto ordinario il “Fondo sperimentale di riequilibrio 2020”.

Il Provvedimento prevede anche per l’anno corrente la conferma delle modalità di riparto del “Fondo sperimentale di riequilibrio” a favore delle Città metropolitane e delle Province ricadenti nei territori delle Regioni a Statuto ordinario, già adottate con precedente Decreto 4 maggio 2012.

Gli importi, riportati nell’Allegato “A” del Decreto stesso, tengono conto delle riduzioni e dei recuperi operati ai fini del perseguimento degli obiettivi della “Spending review”.

Le risorse finanziarie lorde stanziate a titolo di “Fondo sperimentale di riequilibrio” ammontano per l’anno corrente ad un totale di Euro 1.046.917.823.

Per più della metà degli Enti coinvolti (41 Amministrazioni su 77), gli importi assegnati non sono stati sufficienti a coprire quanto dovuto dai medesimi Enti in applicazione, rispettivamente, dell’art. 16, comma 7, del Dl. n. 95/2012, dell’art. 2, comma 183, della Legge n. 191/2009, e dell’art. 9 del Dl. n. 16/2014. Per tali Enti di Area vasta il saldo, al netto dei recuperi e delle riduzioni citate, è dunque risultato essere negativo.

L’art. 3 dispone che entro il 30 aprile 2020 gli importi siano erogati ad ogni singolo Ente in un’unica soluzione, salvo che, in caso di indisponibilità dell’intera somma, il saldo sarà versato al conseguimento della disponibilità residua.


Related Articles

Partite Iva: aggiornamento dell’Osservatorio per il mese di novembre 2015

Il Mef – Dipartimento delle Finanze ha pubblicato sul proprio sito, con Comunicato stampa n. 7 dell’11 genniao 2016, l’aggiornamento

“Contributo di costruzione”: si applicano le tariffe vigenti al tempo dell’emanazione del “permesso a edificare”

Nella Sentenza n. 597 del 26 settembre 2017 del Tar Sardegna, la questione controversa in esame riguarda l’individuazione di quale

“Milleproroghe”: verso la proroga dei contratti a tempo determinato per il personale delle Province

Con Nota 8 febbraio 2016, l’Anci ha annunciato l’accoglimento, da parte delle Commissioni riunite Affari Costituzionali e Bilancio della Camera,

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.