Formazione professionale: per Palazzo Spada costituisce un pubblico servizio

Formazione professionale: per Palazzo Spada costituisce un pubblico servizio

Il Consiglio di Stato, con la Sentenza n. 5086 del 14 ottobre 2014, ha statuito che l’attività di formazione costituisce un pubblico servizio, il cui affidamento ad un soggetto privato dà vita ad un rapporto di tipo concessorio. Nella fattispecie in esame i rapporti intercorrenti tra una Regione e un Associazione avrebbero dovuto essere ricondotti dal Tar nell’ambito della concessione e non in quello dell’appalto di pubblico servizio. Infatti l’Associazione, lungi dallo svolgere un’attività di impresa a vantaggio dell’Amministrazione, ha ricevuto fondi per rendere un servizio di interesse generale a vantaggio degli utenti, operando quale longa manusdell’Amministrazione stessa. In questi termini, del resto, è espressamente qualificata dall’art. 15 della Lr. n. 18/09, l’attività di formazione professionale in questione.

Quindi – attese le caratteristiche del rapporto trilaterale venutosi a creare tra Regione, Associazione ed utenza – lo stesso deve essere ricondotto alla fattispecie di cui all’art. 12 della legge fondamentale sul procedimento amministrativo, e cioè alla concessione di sovvenzioni e non a quella dell’appalto di servizi. Il riparto di giurisdizione tra Giudice ordinario e Giudice amministrativo in materia di controversie riguardanti la concessione e la revoca di contributi e sovvenzioni pubbliche deve essere attuato sulla base del generale criterio di fondato sulla natura della situazione soggettiva azionata. Dunque, qualora si controverta, per motivi attinenti all’inadempimento delle prescrizioni alle quali il beneficio era stato subordinato, in ordine alla legittimità della revoca del contributo concesso, o della decadenza dal medesimo, o ancora della ripetizione degli importi già erogati, la giurisdizione spetta al giudice ordinario. Pertanto nel caso di specie la giurisdizione appartiene al Giudice Ordinario.

 

 

Il Consiglio di Stato, con la Sentenza n. 5086 del 14 ottobre 2014, ha statuito che l’attività di formazione costituisce un pubblico servizio, il cui affidamento ad un soggetto privato dà vita ad un rapporto di tipo concessorio. Nella fattispecie in esame i rapporti intercorrenti tra una Regione e un Associazione avrebbero dovuto essere ricondotti dal Tar nell’ambito della concessione e non in quello dell’appalto di pubblico servizio. Infatti l’Associazione, lungi dallo svolgere un’attività di impresa a vantaggio dell’Amministrazione, ha ricevuto fondi per rendere un servizio di interesse generale a vantaggio degli utenti, operando quale longa manusdell’Amministrazione stessa. In questi termini, del resto, è espressamente qualificata dall’art. 15 della Lr. n. 18/09, l’attività di formazione professionale in questione.

Quindi – attese le caratteristiche del rapporto trilaterale venutosi a creare tra Regione, Associazione ed utenza – lo stesso deve essere ricondotto alla fattispecie di cui all’art. 12 della legge fondamentale sul procedimento amministrativo, e cioè alla concessione di sovvenzioni e non a quella dell’appalto di servizi. Il riparto di giurisdizione tra Giudice ordinario e Giudice amministrativo in materia di controversie riguardanti la concessione e la revoca di contributi e sovvenzioni pubbliche deve essere attuato sulla base del generale criterio di fondato sulla natura della situazione soggettiva azionata. Dunque, qualora si controverta, per motivi attinenti all’inadempimento delle prescrizioni alle quali il beneficio era stato subordinato, in ordine alla legittimità della revoca del contributo concesso, o della decadenza dal medesimo, o ancora della ripetizione degli importi già erogati, la giurisdizione spetta al giudice ordinario. Pertanto nel caso di specie la giurisdizione appartiene al Giudice Ordinario.


Tags assigned to this article:
Consiglio di Statoformazione

Related Articles

Istanze di rimborso di acconti su Imposte: i 48 mesi decorrono dalle date dei versamenti se in quel momento non erano dovuti

L’Agenzia delle Entrate, con la Risposta n. 1 ad un’istanza di Consulenza giuridica, diffusa il 4 ottobre 2018, ha chiarito

Trasporto scolastico: per la Corte Sicilia non sono applicabili i vincoli che caratterizzano i servizi pubblici a domanda individuale

Nella Delibera n. 178 del 10 ottobre 2018 della Corte dei conti Sicilia, viene chiesto un parere sull’interpretazione del disposto

“Blue economy SME Window”: aperto il bando 2020

Easme, l’Agenzia esecutiva per le Pmi, ha aperto ieri (in anticipo rispetto a quanto inizialmente annunciato) un nuovo bando “Blue