Fornitura di banche-dati elettroniche: l’aliquota Iva è quella ordinaria in quanto non trattasi di prodotti editoriali

Fornitura di banche-dati elettroniche: l’aliquota Iva è quella ordinaria in quanto non trattasi di prodotti editoriali

L’Agenzia delle Entrate, con la Risposta all’Istanza di Interpello n. 69 del 1° marzo 2019, ha chiarito che la fornitura di banche-dati elettroniche non può beneficiare dell’aliquota Iva agevolata del 4% prevista per la vendita e alla distribuzione elettronica di prodotti editoriali dal n. 18) della Tabella A, Parte II, allegata al Dpr. n. 633/1972, in quanto trattasi di prodotti non aventi le caratteristiche di quelli previsti in tale norma.

Nel caso di specie, la Società istante offre ai propri clienti un servizio di “banche-dati elettroniche e servizi di editoria il cui accesso avviene per via telematica e che

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Case di riposo: le donazioni effettuate in loro favore sono deducibili ai fini delle Imposte dirette?

Il quesito: “Qual è la disciplina in materia di deducibilità fiscale ai fini delle Imposte dirette delle erogazioni liberali destinate alle Case

Iva: le somme versate a titolo di caparra confirmatoria vi sono soggette?

Il testo del quesito: “Nel caso di acquisto di un bene immobile le somme versate a titolo di caparra confirmatoria

“Ddl. stabilità”: verso l’introduzione dell’Iva al 5% sulle prestazioni socio-sanitarie, assistenziali ed educative rese dalle Cooperative sociali

Dal 1° gennaio 2016, le prestazioni socio-sanitarie, assistenziali ed educative rese dalle Cooperative sociali e dai loro Consorzi, in appalto o

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.