Ici: accertamento con adesione e impugnazione della rendita

Ici: accertamento con adesione e impugnazione della rendita

Nella Sentenza n. 25550 del 3 dicembre 2014, della Corte di Cassazione, un contribuente ha ricevuto un avviso di accertamento Ici con contestuale notifica del nuovo classamento.

I Giudici di legittimità hanno osservato che l’art. 74, comma 3, della Legge n. 342/00, prevede che per gli atti che abbiano comportato attribuzione o modificazione della rendita, adottati entro il 31 dicembre 1999, non ancora recepiti in atti impositivi dell’Amministrazione finanziaria o degli Enti Locali, i soggetti attivi d’imposta provvedono, entro i termini di prescrizione o decadenza previsti dalle norme per i singoli tributi, alla liquidazione o all’accertamento dell’eventuale imposta dovuta sulla base della rendita catastale attribuita.
Gli atti impositivi inviati al contribuente costituiscono a tutti gli effetti atti di notificazione della rendita. Dall’avvenuta notificazione decorre il termine per proporre il ricorso di cui all’art. 2, comma 3, del Dlgs. n. 546/92.
Se il contribuente riceve una liquidazione Ici dipendente da un nuovo classamento e presenta un’istanza di accertamento con adesione al Comune, questa non vale a sospendere i termini per impugnare l’atto catastale contestualmente notificato.
In conclusione, l’istanza di accertamento con adesione Ici non sospende i termini per la contestazione del classamento. Nello specifico, trascorsi 60 giorni dal ricevimento dell’atto, la rendita diviene definitiva anche se risulta ancora possibile presentare ricorso per quanto concerne l’Ici.


Tags assigned to this article:
cassazioneclassamentoimmobili

Related Articles

Controversia sulla revoca di benefici accordati dallo Stato agli Enti Locali: la competenza è del Giudice amministrativo

Nella Sentenza n. 3375 del 28 maggio 2020 del Consiglio di Stato, i Giudici affermano che rientra nella giurisdizione del

Riscossione: per la notifica degli atti a mezzo posta l’Ente deve affidarsi  a Poste Italiane

Nella Sentenza n. 1077 del 12 dicembre 2014 della Ctp Campobasso, è stato proposto ricorso avverso alcuni avvisi di accertamento

“Covid-19”: neanche col consenso dei dipendenti, il datore di lavoro può acquisire i nomi del personale vaccinato

Il datore di lavoro può, con il consenso del dipendente o tramite il medico competente, acquisire i nominativi del personale