Ici: contemporaneo utilizzo di più di una unità catastale come abitazione principale

Ici: contemporaneo utilizzo di più di una unità catastale come abitazione principale

Con la Sentenza n. 388 del 10 dicembre 2015, la Ctr Molise statuisce che, ai fini dell’Ici, il contemporaneo utilizzo, da parte di 2 coniugi in regime di separazione dei beni, di più di una unità catastale come abitazione principale, anche se di proprietà non di un solo coniuge ma di ciascuno di essi, non costituisce ostacolo all’applicazione, per tutte, della detrazione prevista dell’art. 85, comma 2 del Dlgs. n. 504/92.

La condizione posta è che il complesso abitativo utilizzato non trascenda la categoria catastale delle unità che lo compongono, assumendo rilievo a tal fine, non il numero delle unità catastali ma la prova dell’effettiva utilizzazione come abitazione principale dell’immobile complessivamente considerato, ferma restando la spettanza della predetta detrazione una sola volta per tutte le unità in presenza dei requisiti di legge.

Ctr Molise – Sentenza n. 388 del 10 dicembre 2015


Related Articles

Procedimento di “revisione parziale del classamento”: è soggetto alle stesse regole previste per la revisione del classamento

Nell’Ordinanza n. 33088 del 21 dicembre 2018 della Corte di Cassazione, i Giudici di legittimità rilevano che il procedimento di

Ici: il concetto di “residenza” ai fini dell’agevolazione per l’abitazione principale

Nell’Ordinanza n. 14793 del 7 giugno 2018 la Corte di Cassazione ha risolto un contenzioso in tema di individuazione della

Iva su forniture energetiche: un chiarimento sulle condizioni per applicare l’aliquota agevolata del 10% ai “contratti servizio energia plus”

L’Agenzia delle Entrate, con la Risposta all’Istanza di Interpello n. 288 del 22 luglio 2019, ha fornito chiarimenti in ordine