Ici: contemporaneo utilizzo di più di una unità catastale come abitazione principale

Ici: contemporaneo utilizzo di più di una unità catastale come abitazione principale

Con la Sentenza n. 388 del 10 dicembre 2015, la Ctr Molise statuisce che, ai fini dell’Ici, il contemporaneo utilizzo, da parte di 2 coniugi in regime di separazione dei beni, di più di una unità catastale come abitazione principale, anche se di proprietà non di un solo coniuge ma di ciascuno di essi, non costituisce ostacolo all’applicazione, per tutte, della detrazione prevista dell’art. 85, comma 2 del Dlgs. n. 504/92.

La condizione posta è che il complesso abitativo utilizzato non trascenda la categoria catastale delle unità che lo compongono, assumendo rilievo a tal fine, non il numero delle unità catastali ma la prova dell’effettiva utilizzazione come abitazione principale dell’immobile complessivamente considerato, ferma restando la spettanza della predetta detrazione una sola volta per tutte le unità in presenza dei requisiti di legge.

Ctr Molise – Sentenza n. 388 del 10 dicembre 2015


Related Articles

Ici: il valore del giudicato esterno nel Processo tributario

Nell’Ordinanza n. 17763 del 6 luglio 2018, la Corte di Cassazione ha chiarito quali sono il valore e i limiti

Tarsu: è nulla la cartella di pagamento senza avviso di accertamento

Nella Sentenza n. 1067 del 4 febbraio 2016 del Ctp Milano, i Giudici milanesi statuiscono che è nulla la cartella

Processo tributario: legittima la Pronuncia del Giudice d’appello basata su una ricostruzione autonoma e diversa da quella formulata dalle parti

In tema di giudizio di appello, il principio della corrispondenza tra il chiesto e il pronunciato, come il principio del