Ici: non vi è soggetta un’area edificabile accatastata congiuntamente ad un fabbricato destinato ad attività commerciale

La Corte di Cassazione, con la Sentenza n. 10176 del 9 maggio 2014, afferma che un’area edificabile unita ad un fabbricato non può essere assoggettata a imposizione autonoma se i 2 immobili hanno un unica rendita catastale.

La rendita costituisce l’unico criterio per determinare la base imponibile, e pertanto, un’area edificabile accatastata congiuntamente ad un fabbricato destinato ad attività commerciale non è soggetta al pagamento dell’Ici anche se il titolare non ha mai dichiarato al Comune la sua natura pertinenziale.

Nella fattispecie in esame il contribuente non aveva nessun obbligo di presentare la dichiarazione al fine di dichiarare come pertinenziale al fabbricato l’area edificabile, poiché una simile dichiarazione serve per escludere da Ici un’area edificabile accatastata autonomamente, mentre l’area in questione è priva di autonomo accatastamento ed è compresa in una particella regolarmente accatastata e munita di rendita.


Tags assigned to this article:
cassazioneIci

Related Articles

Consultazioni europee e amministrative 2019: i chiarimenti del Viminale su tempi e modalità di invio delle rendicontazioni delle spese

Il termine per produrre la rendicontazione delle spese sostenute dai Comuni per le Elezioni scade 4 mesi dopo il giorno

“5 per mille”: sospeso l’invio dei rendiconti relativi alle risorse assegnate nell’esercizio corrente

Con il Comunicato 8 settembre 2017, il Ministero dell’Interno-Direzione centrale della Finanza locale, ha chiesto agli Enti Locali di sospendere

Invio telematico delle Dichiarazioni: ricomprese anche le Associazioni e le Società tra Avvocati tra i soggetti abilitati

L’Agenzia delle Entrate, con il Provvedimento 10 marzo 2020, ha proceduto all’individuazione di nuove tipologie di utenti incaricati della trasmissione