Ici: non vi è soggetta un’area edificabile accatastata congiuntamente ad un fabbricato destinato ad attività commerciale

La Corte di Cassazione, con la Sentenza n. 10176 del 9 maggio 2014, afferma che un’area edificabile unita ad un fabbricato non può essere assoggettata a imposizione autonoma se i 2 immobili hanno un unica rendita catastale.

La rendita costituisce l’unico criterio per determinare la base imponibile, e pertanto, un’area edificabile accatastata congiuntamente ad un fabbricato destinato ad attività commerciale non è soggetta al pagamento dell’Ici anche se il titolare non ha mai dichiarato al Comune la sua natura pertinenziale.

Nella fattispecie in esame il contribuente non aveva nessun obbligo di presentare la dichiarazione al fine di dichiarare come pertinenziale al fabbricato l’area edificabile, poiché una simile dichiarazione serve per escludere da Ici un’area edificabile accatastata autonomamente, mentre l’area in questione è priva di autonomo accatastamento ed è compresa in una particella regolarmente accatastata e munita di rendita.


Tags assigned to this article:
cassazioneIci

Related Articles

Mutui Enti Locali: aperti i nuovi bandi 2021 dell’Istituto credito sportivo

L’Istituto Credito Sportivo ha lanciato nuove opportunità di finanziamento destinate agli Enti Territoriali attraverso i Bandi “Sport Missione Comune –

Centrali uniche di committenza: Note Anci e scheda di sintesi per i Comuni

Sono disponibili sul sito istituzionale dell’Anci, in allegato al Comunicato 20 ottobre 2014, le Note di lettura di due Dpcm.

“Riforma Madia”: in G.U. il “Testo unico sulle Società partecipate” e il “Codice di Giustizia contabile”

Nuovi pezzi si aggiungono al grande “puzzle” della Riforma della Pubblica Amministrazione orchestrata dal Ministro, Marianna Madia. Dopo il Dlgs.