Il contratto di prestazione occasionale e la sua applicazione alla Pubblica Amministrazione: cos’è e come funziona

Il contratto di prestazione occasionale e la sua applicazione alla Pubblica Amministrazione: cos’è e come funziona

Premessa

L’art. 54-bis del Dl. 24 aprile 2017, n. 50, introdotto in sede di conversione dalla Legge 21 giugno 2017, n. 96[1], ha disciplinato in modo innovativo le prestazioni di lavoro occasionali. Si tratta dei contratti di prestazione occasionale (c.d. “PrestO”) e del “Libretto famiglia”, introdotti in sostituzione dei precedenti “voucher lavoro”.

Questa tipologia di prestazione è uno strumento che può essere utilizzato dai soggetti che vogliono svolgere un’attività lavorativa in modo sporadico e saltuario, i quali possono acquisire le prestazioni per mezzo di contratti occasionali.

Il dibattito sulla

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Imposta di soggiorno: l’istituto del “ravvedimento” in caso di omesso, tardivo o parziale riversamento da parte degli albergatori

Nella Delibera n. 96 del 25 ottobre 2016 della Corte dei conti Emilia Romagna, è stato formulato un parere avente

Durc: se la scadenza è successiva al 15 aprile 2020 ma precedente al giorno in cui l’Ente effettua il pagamento, si considera valido?

Il testo del quesito: “Alla luce del combinato disposto degli artt. 103, comma 2, primo periodo, Dl. n. 18/2020 e

“Riforma Pubblico Impiego”: le assenze per malattia nel Dlgs. n. 75/17

L’art. 18 del Dlgs. 25 maggio 2017, n. 75, emanato in attuazione della Legge-delega 7 agosto 2015, n. 124, interviene