Il contratto di prestazione occasionale e la sua applicazione alla Pubblica Amministrazione: cos’è e come funziona

Il contratto di prestazione occasionale e la sua applicazione alla Pubblica Amministrazione: cos’è e come funziona

Premessa

L’art. 54-bis del Dl. 24 aprile 2017, n. 50, introdotto in sede di conversione dalla Legge 21 giugno 2017, n. 96[1], ha disciplinato in modo innovativo le prestazioni di lavoro occasionali. Si tratta dei contratti di prestazione occasionale (c.d. “PrestO”) e del “Libretto famiglia”, introdotti in sostituzione dei precedenti “voucher lavoro”.

Questa tipologia di prestazione è uno strumento che può essere utilizzato dai soggetti che vogliono svolgere un’attività lavorativa in modo sporadico e saltuario, i quali possono acquisire le prestazioni per mezzo di contratti occasionali.

Il dibattito sulla

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Organo di revisione Enti Locali: durata dell’incarico e sospensione termini per emergenza sanitaria “Covid-19”

Il Ministero dell’Interno – Dipartimento della Finanza locale, ha pubblicato sul proprio sito internet istituzionale, in data 22 settembre 2020,

“Riforma Madia”: in G.U. il “Testo unico sulle Società partecipate” e il “Codice di Giustizia contabile”

Nuovi pezzi si aggiungono al grande “puzzle” della Riforma della Pubblica Amministrazione orchestrata dal Ministro, Marianna Madia. Dopo il Dlgs.

Il Governo modifica il “Decreto Brunetta”: come cambia la valutazione dei lavoratori pubblici con la “Riforma Madia”

Il Consiglio dei Ministri, nella seduta del 19 maggio 2017, ha approvato definitivamente le modifiche alla c.d. “Legge Brunetta” [Dlgs.