Il contratto di prestazione occasionale e la sua applicazione alla Pubblica Amministrazione: cos’è e come funziona

Il contratto di prestazione occasionale e la sua applicazione alla Pubblica Amministrazione: cos’è e come funziona

Premessa

L’art. 54-bis del Dl. 24 aprile 2017, n. 50, introdotto in sede di conversione dalla Legge 21 giugno 2017, n. 96[1], ha disciplinato in modo innovativo le prestazioni di lavoro occasionali. Si tratta dei contratti di prestazione occasionale (c.d. “PrestO”) e del “Libretto famiglia”, introdotti in sostituzione dei precedenti “voucher lavoro”.

Questa tipologia di prestazione è uno strumento che può essere utilizzato dai soggetti che vogliono svolgere un’attività lavorativa in modo sporadico e saltuario, i quali possono acquisire le prestazioni per mezzo di contratti occasionali.

Il dibattito sulla

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Incentivi per funzioni tecniche: non dovuti in caso di concessioni

Nella Delibera n. 15 del 25 giugno 2019 della Corte dei conti Autonomie, la Sezione enuncia il seguente Principio di

Corrispettivi: devono essere conservati in apposito registro cartaceo o è sufficiente la stampa di quello informatico?

Il testo del quesito: E’ ancora obbligatorio registrare i corrispettivi Iva in apposito registro cartaceo, oppure la stampa del registro

E-fattura: a chi spetta la firma digitale quando l’emissione avviene per conto del prestatore di servizio ed avvalendosi di un Intermediario

L’Agenzia delle Entrate, con la Risposta all’Istanza di Interpello n. 348 del 28 agosto 2019, ha fornito chiarimenti in merito