Il contratto di prestazione occasionale e la sua applicazione alla Pubblica Amministrazione: cos’è e come funziona

Il contratto di prestazione occasionale e la sua applicazione alla Pubblica Amministrazione: cos’è e come funziona

Premessa

L’art. 54-bis del Dl. 24 aprile 2017, n. 50, introdotto in sede di conversione dalla Legge 21 giugno 2017, n. 96[1], ha disciplinato in modo innovativo le prestazioni di lavoro occasionali. Si tratta dei contratti di prestazione occasionale (c.d. “PrestO”) e del “Libretto famiglia”, introdotti in sostituzione dei precedenti “voucher lavoro”.

Questa tipologia di prestazione è uno strumento che può essere utilizzato dai soggetti che vogliono svolgere un’attività lavorativa in modo sporadico e saltuario, i quali possono acquisire le prestazioni per mezzo di contratti occasionali.

Il dibattito sulla

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

“Legge di bilancio 2017”: il Ddl. incassa l’ok del Consiglio dei Ministri, la Manovra vale 27 miliardi

Pubblico impiego, pensioni, pari opportunità, edilizia scolastica: sono solo alcuni dei temi al centro del Disegno di legge di bilancio

Incarichi esterni: comportano danno erariale se sono generici e non motivati

Nella Sentenza n. 39 del 1° febbraio 2016 della Corte dei conti Lazio, con atto di citazione la Procura regionale

Armonizzazione dei sistemi contabili: qual è il grado di autonomia di cui gode la Regione Sicilia?

Il testo del quesito: “La Regione Sicilia, essendo una Regione a Statuto autonomo, che grado di autonomia ha riguardo a