Il “Ddl. Concorrenza” è diventato norma di legge: il quadro delle principali novità

Il “Ddl. Concorrenza” è diventato norma di legge: il quadro delle principali novità

Lo scorso 2 agosto 2017 dall’Aula del Senato è giunto il “via libera” alla fiducia sul “Ddl. Concorrenza”.

I sì sono stati 146, i no 113. Il Provvedimento, in quarta lettura, diventa norma di legge dopo numerosi “stop and go”, ed a 2 anni e mezzo dal varo da parte del Governo, per la precisione dopo 894 giorni[1].

Il dispositivo interessa principalmente le Assicurazioni, il mercato dell’energia, i liberi professionisti, le Poste, le Banche ma anche Albergatori e Farmacie.

Il “Ddl. Concorrenza”, ora “Legge annuale

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Arconet: Monitoraggio riaccertamento straordinario dei residui e informazioni sul maggiore disavanzo

Il 25 gennaio 2017 è stata pubblicata sul Portale Arconet del Ministero dell’Economia e delle Finanze la Faq n. 18

Iva: confermata la non rilevanza dei contributi erogati a Società “in-house” in base ad accordi di programma e non a contratti di servizio

L’Agenzia delle Entrate, con la Risposta all’Istanza di Interpello n. 92 del 24 marzo 2020, è intervenuta di nuovo in

Società a controllo pubblico: la definizione in un Orientamento della Struttura di monitoraggio e controllo delle partecipazioni pubbliche

La Struttura di monitoraggio e controllo delle partecipazioni pubbliche, istituita presso il Mef-Dipartimento del Tesoro, ha diffuso sul proprio sito