Il “Ddl. Concorrenza” è diventato norma di legge: il quadro delle principali novità

Il “Ddl. Concorrenza” è diventato norma di legge: il quadro delle principali novità

Lo scorso 2 agosto 2017 dall’Aula del Senato è giunto il “via libera” alla fiducia sul “Ddl. Concorrenza”.

I sì sono stati 146, i no 113. Il Provvedimento, in quarta lettura, diventa norma di legge dopo numerosi “stop and go”, ed a 2 anni e mezzo dal varo da parte del Governo, per la precisione dopo 894 giorni[1].

Il dispositivo interessa principalmente le Assicurazioni, il mercato dell’energia, i liberi professionisti, le Poste, le Banche ma anche Albergatori e Farmacie.

Il “Ddl. Concorrenza”, ora “Legge annuale

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Agevolazioni Ici: spetta ai Comuni la scelta di riconoscerle o meno a chi concede immobili in locazione a canone concordato

Nell’Ordinanza n. 7414 del 15 marzo 2019 della Corte di Cassazione, i Giudici di legittimità osservano che l’art. 2, comma

Tari: diramate dal Mef le Linee-guida sull’applicazione dei “costi standard”

Sono state pubblicate sul sito web istituzionale del Mef le Linee Guida sull’applicazione dei “costi standard” nella determinazione delle tariffe

Organo di revisione: regime delle incompatibilità ai sensi dell’art. 236 del Tuel

Nella Delibera n. 53 del 25 marzo 2015 della Corte dei conti Piemonte, un Sindaco chiede l’espressione di un parere