Illegittimo affidamento “in house” di servizi nel caso in cui non sia stata dimostrata la convenienza economica rispetto alla esternalizzazione dello stesso

Illegittimo affidamento “in house” di servizi nel caso in cui non sia stata dimostrata la convenienza economica rispetto alla esternalizzazione dello stesso

Consiglio di Stato, Sezione V, Sentenza 27 gennaio 2020 n. 681

Sull’illegittimità dell’affidamento “in house” di servizi nel caso in cui non ci sia convenienza economica rispetto alla esternalizzazione dello stesso

L’affidamento “in house” di servizi è illegittimo nel caso in cui non ci sia convenienza economica rispetto alla esternalizzazione dello stesso; il citato “in house providing” riveste infatti carattere eccezionale rispetto all’ordinaria modalità di scelta del contraente ed è possibile solo qualora sussista per l’Amministrazione una reale convenienza rispetto alle condizioni economiche offerte dal mercato. In tale senso anche l’art. 192, comma 2, del Dlgs. n. 50/2016 dispone che, “ai fini dell’affidamento ‘in house’ di un contratto avente ad oggetto servizi disponibili sul mercato in regime di concorrenza, le stazioni appaltanti effettuano preventivamente la valutazione sulla congruità economica dell’offerta dei soggetti in house, avuto riguardo all’oggetto ed al valore della prestazione, dando atto nella motivazione del provvedimento di affidamento delle ragioni del mancato ricorso al mercato, nonché dei benefici per la collettività della forma di gestione prescelta, anche con riferimento agli obiettivi di universalità e socialità, di efficienza, di economicità e di qualità del servizio, nonché di ottimale impiego delle risorse pubbliche“.

Continua a leggere su Diritto dei servizi pubblici locali

Questo contenuto è stato selezionato per i nostri lettori dallo Studio legale Tessarolo, editore di Diritto dei servizi pubblici e partner di Centro Studi Enti Locali.

Diritto dei servizi pubblici è una rivista giuridica telematica che, dal 2001, raccoglie informazioni, articoli, leggi, sentenze ed altri provvedimenti su numerosi argomenti di diritto, con particolare riferimento al diritto dei servizi pubblici locali, a cura dello Studio Legale Tessarolo.


Related Articles

Unioni e fusioni di Comuni: Bressa, “Il processo deve partire dal basso”

“Il processo di Unione e fusione dei comuni deve essere un processo desiderabile e attrattivo e lo si consegue attraverso

Incentivi per funzioni tecniche: non sono erogabili per la figura del Direttore dell’esecuzione nel caso in cui coincida con il Rup

Nella Delibera n. 301 dell’11 ottobre 2019 della Corte dei conti Veneto, Comune chiede un parere in merito alla corretta

Iscrizione anagrafica anche per i richiedenti asilo: la Corte Costituzionale interviene sul “Decreto Sicurezza”

L’esclusione dei richiedenti asilo dall’iscrizione anagrafica, invece di aumentare il livello di sicurezza pubblica, finisce con il limitare le capacità

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.