Immigrazione: il Sindaco non può rigettare il procedimento di cittadinanza

Immigrazione: il Sindaco non può rigettare il procedimento di cittadinanza

L’ordinamento giuridico del nostro Paese “non attribuisce all’Ufficiale di Stato civile e a nessun altro alcun potere di intervento per controllare, all’atto del giuramento, l’effettivo stato di conoscenza della lingua italiana ed esercitare al riguardo una qualsiasi forma di opposizione”. A precisarlo, nel corso del question time tenutosi il 10 febbraio 2016 alla Camera, è stato il Ministro dell’Interno, Angelino Alfano.

Alfano era stato chiamato ad esprimersi su una vicenda che ha avuto come protagonista il Sindaco di un Comune in Provincia di Pordenone, che si era rifiutato di consegnare la cittadinanza italiana ad un quarantenne nigeriano che era sembrato in difficoltà nel leggere il testo del giuramento.

Il giuramento di uno straniero che intende acquisire la nazionalità italiana – ha detto il Ministro Alfano – non è una pura formalità, ma esprime in modo solenne la volontà dello straniero di entrare a far parte della comunità nazionale. Una volta concluso l’iter e adottato il Decreto di concessione della cittadinanza da parte del Presidente della Repubblica – ha spiegato – un’ulteriore verifica volta ad asseverare quanto già accertato in sede istruttoria non è tecnicamente ammissibile e sarebbe comunque estranea ai profili e ai principi procedimentali”.

Il Ministro ha infine evidenziato che la posizione assunta dal Primo Cittadino in questione, che ha invalidato il procedimento partendo dalla contestazione della competenza linguistica dello straniero, “non appare confortata da disposizioni normative che ne suffraghino in alcun modo la legittimità e potrebbe dare luogo, se reiterata, all’esercizio dei poteri sostitutivi”.


Related Articles

Applicabilità o meno della Decisione 2000/128 ad un’Impresa fornitrice di Servizi “Tpl” e beneficiaria di sgravi oneri sociali

Corte di giustizia europea, Sezione II, Sentenza 29 luglio 2019, n. C-659/17 Sull’applicabilità della Decisione 2000/128 ad un’Impresa che ha

Commissione europea: per l’Italia 2 anni di crescita all’orizzonte

Crescita del Pil, diminuzione del deficit e aumento dell’occupazione: sono di segno positivo le previsioni che la Commissione europea ha

Lavori pubblici: risorse finanziarie per la progettazione e l’innovazione all’interno delle Amministrazioni pubbliche

Nella Delibera n. 353 del 7 settembre 2016 della Corte dei conti Veneto, la questione controversa riguarda l’introduzione del nuovo