Impianti di risalita funzionali al servizio di piste sciistiche: non c’è presupposto del classamento come “mezzo pubblico di trasporto”

Impianti di risalita funzionali al servizio di piste sciistiche: non c’è presupposto del classamento come “mezzo pubblico di trasporto”

Nella Ordinanza n. 6067 del 9 marzo 2017 della Corte di Cassazione, i Giudici di legittimità, con riferimento agli Impianti di risalita funzionali al servizio di piste sciistiche, hanno affermato che non sussiste il presupposto del classamento come “mezzo pubblico di trasporto”, che presuppone una sia pur parziale utilizzabilità della struttura come mezzo di trasporto a disposizione del pubblico, laddove un Impianto di risalita svolge un’esclusiva funzione commerciale di ausilio ed integrazione dell’uso delle piste sciistiche.

Né può aver rilievo l’essere il servizio di trasporto degli utenti della seggiovia oggetto di concessione di pubblico servizio, atteso che gli immobili rientranti nel Gruppo “E” sono indicati in maniera analitica e specifica, con metodo casistico che non legittima una estensione a tutti gli immobili di rilevanza pubblica, tanto che anche la Categoria residuale “E/9” non menziona affatto il requisito della pubblicità ma fa riferimento alla sola particolarità della destinazione, mentre proprio con riferimento alla destinazione, che costituisce il fondamento stesso dell’attribuzione della Categoria catastale, appare illegittimo, in relazione al disposto dell’art. 8, comma 2, del Dpr. n. 1142/49, l’inquadramento nella Categoria “E/1” (stazione di trasporto terrestre), essendo l’Impianto a servizio di una ben specifica categoria di utenti (gli utilizzatori, per scopi ludico-sportivi, delle piste) nel contesto dello svolgimento di un’attività tipicamente caratterizzata da fine di lucro.


Related Articles

Regime fiscale di Professionisti ed Imprese di piccole dimensioni: le modifiche previste nel testo della “Manovra finanziaria 2016”

L’art. 8 del “Ddl. stabilità 2016” modifica il regime fiscale agevolato per persone fisiche esercenti attività d’impresa, arti e professioni,

Informativa Antimafia: sopravvenienza di fatti favorevoli

Nella Sentenza n. 2324 del 9 aprile 2019 del Consiglio di Stato, i Giudici chiariscono che il “venir meno delle

Entrate tributarie: tra gennaio e maggio 2016 sono aumentate del 2,7%

Tra gennaio e maggio dell’anno corrente le entrate tributarie erariali, accertate in base al criterio della competenza giuridica, sono state