Imposta comunale sulla pubblicità e messaggi pubblicitari plurimi

Imposta comunale sulla pubblicità e messaggi pubblicitari plurimi

Nell’Ordinanza n. 10459 del 2 maggio 2018 della Corte di Cassazione, la questione controversa in esame riguarda il calcolo dell’Imposta comunale sulla pubblicità. La Suprema Corte statuisce che,in tema di Imposta comunale sulla pubblicità, l’art. 7, comma 1, del Dlgs. n. 507/93, identifica il presupposto impositivo nel “mezzo pubblicitario”, inteso come qualsiasi forma di comunicazione avente lo scopo di promuovere la domanda di beni e servizi e di migliorare l’immagine aziendale in collegamento inscindibile con la forma adoperata per la divulgazione, con la conseguenza che, nell’ipotesi di plurimi messaggi pubblicitari concernenti Aziende diverse, collocati su un unico pannello, il Tributo deve essere determinato in base alla superficie espositiva utilizzata da ciascuna delle Imprese pubblicizzate, indipendentemente dalle dimensioni del mezzo pubblicitario cumulativo.


Related Articles

Tari: mancata approvazione delle tariffe entro il termine di legge

Nella Delibera n. 49 del 2 febbraio 2016 della Corte dei conti Sicilia, un Sindaco ha formulato un quesito sulle

Entrate tributarie Enti territoriali: nel primo trimestre 2017 registrato un calo dell’1,8%

Nei primi 3 mesi del 2017 le entrate tributarie degli Enti territoriali hanno registrato un calo dell’1,8%, pari a -105

Agevolazioni “prima casa”: non spettano se la collocazione urbanistica è quella di “villa con giardino”

Nella Sentenza n. 13312 del 28 giugno 2016, la Corte di Cassazione afferma che, in tema di benefici fiscali per