Imposta di pubblicità: vi sono soggetti i cartelli esposti in vetrina che promuovono pacchetti offerti dai tour operator

Imposta di pubblicità: vi sono soggetti i cartelli esposti in vetrina che promuovono pacchetti offerti dai tour operator

Ctr Emilia Romagna, Sentenza n. 1718 del 31 agosto 2015

Nella fattispecie in esame, una Società svolgente attività di Agenzia di viaggio espone nei propri locali, nelle vetrine e sulle bacheche illuminate, inserzioni relative a offerte riferibili a diversi tour operator.

La Società menzionata non ha mai provveduto a presentare alcuna Dichiarazione ai fini dell’Imposta comunale sulla pubblicità in merito a tali affissioni.

Con ricorso, la Società ha impugnato 2 avvisi di accertamento emessi dal Comune per omessa presentazione della Dichiarazione per gli anni 2010 e 2011.

I Giudici hanno rilevato che la Suprema Corte, analizzando l’analoga fattispecie relativa alle

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Eredi del Professionista defunto: possibile mantenere aperta la Partita Iva anche oltre 6 mesi al fine di fatturare o incassare crediti verso P.A.

L’Agenzia delle Entrate, con la Risoluzione n. 34/E dell’11 marzo 2019, ha fornito chiarimenti in merito alla gestione, da parte

Aliquote Tributi locali: il Mef può impugnare per motivi di legittimità i Regolamenti dei Comuni che le stabiliscono

Nella Sentenza n. 267 del 17 gennaio 2018 del Consiglio di Stato, i Giudici si esprimono sulla legittimità straordinaria, riconosciuta

“Testo unico in materia di Società a partecipazione pubblica”: i nuovi limiti “qualitativi” alla detenzione di partecipazioni in Società

Ai sensi e per gli effetti dall’art. 3, comma 27, della Legge n. 244/07 (“Finanziaria 2008”) – ora abrogato dall’art.