Imposta di soggiorno: la Corte dei conti a Sezioni Unite ribadisce che l’albergatore è Agente contabile

Imposta di soggiorno: la Corte dei conti a Sezioni Unite ribadisce che l’albergatore è Agente contabile

Nella Sentenza n. 10 del 2 aprile 2019 della Corte dei conti, Sezioni Riunite, la questione controversa in esame riguarda l’obbligo della resa di conto giudiziale da parte dei soggetti che incassano i canoni o corrispettivi del soggiorno (gestore della struttura ricettiva, soggetto che esercita attività di intermediazione immobiliare, soggetto che gestisce portali telematici), dopo l’emanazione dell’art. 4, comma 5-ter, del Dl. n. 50/2017, convertito con modificazioni dalla Legge n. 96/2017, che ha disciplinato le così dette “locazioni brevi”.

La norma dispone che “il soggetto che incassa il canone o il corrispettivo, ovvero che interviene nel pagamento dei predetti canoni o corrispettivi, è responsabile del pagamento dell’Imposta di soggiorno di cui all’art. 4 del Dlgs. n. 23/2011, e del contributo di soggiorno di cui all’art. 14, comma 16 lett. e) del Dl. n. 78/2010, convertito con modificazioni, dalla Legge n. 122/2010, nonché degli ulteriori adempimenti previsti dalla legge e dal Regolamento comunale”. La Sezione chiarisce che i soggetti passivi del rapporto tributario sono esclusivamente “coloro che alloggiano nelle strutture ricettive”, mentre l’albergatore, essendo incaricato della riscossione, possiede la qualifica di Agente contabile e, in quanto tale, è tenuto alla resa del conto giudiziale e sottoposto al controllo del Giudice contabile.


Related Articles

Previsionale 2016 e consuntivo 2015: scatta una nuova proroga del termine per rispondere ai Questionari del Viminale

Con un annuncio pubblicato sul sito istituzionale del Ministero dell’Interno, la Direzione centrale della Finanza locale ha annunciato una nuova

Inail: diffuso il Regolamento per il reinserimento dei dipendenti con disabilità da lavoro

Con la Circolare n. 51 del 30 dicembre 2016, l’Inail ha approvato il “Regolamento per il reinserimento e l’integrazione lavorativa

Divieto stipula contratti di collaborazione P.A.: vale solo per quelli sottoscritti a partire dal 1° gennaio 2017

Nella Delibera n. 75 del 23 giugno 2016 della Corte di conti Piemonte, il quesito in esame attiene alla corretta

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.