Imposta di soggiorno: l’albergatore viene condannato per il reato di peculato se non versa l’Imposta

Imposta di soggiorno: l’albergatore viene condannato per il reato di peculato se non versa l’Imposta

Nella Sentenza n. 6130 del 13 novembre 2018 della Corte di Cassazione, un Amministratore delegato di una Società proprietaria di un albergo veniva contestato, in concorso con il Direttore dell’albergo, di essersi appropriato di una determinata somma, incassata a titolo di Imposta di soggiorno, versata dai clienti.

La disciplina dell’Imposta di soggiorno è contenuta nell’art. 4 del Dlgs. n. 23/2011, contenente disposizioni in materia di “Federalismo fiscale municipale”. L’Imposta di soggiorno propriamente denominata è esclusivamente quella individuata dall’art. 4, comma 1, il quale dispone che “i Comuni capoluogo di Provincia, le Unioni di Comuni nonché i Comuni

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Regolamento Ue: al via l’iniziativa del Garante privacy per le Pubbliche Amministrazioni

A partire dal 25 maggio 2018 il Regolamento europeo sulla protezione dati, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale dell’Unione Europea del 4

Trasparenza: l’Anac avvia i procedimenti sanzionatori per omessa pubblicazione dei dati previsti dal Dlgs. n. 33/13

L’Anac ha pubblicato sul proprio sito istituzionale il 25 maggio 2015 i testi di alcuni provvedimenti di ordine adottati nell’ambito

“Decreto Enti Locali”: le novità introdotte dalla Legge di conversione

Con 384 sì e 185 no, la Camera ha dato il “via libera” il 4 agosto 2015 al Disegno di

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.