Imu: le precisazioni Istat sulla classificazione dei Comuni montani

Imu: le precisazioni Istat sulla classificazione dei Comuni montani

Con la Nota 5 febbraio 2015, l’Istat ha fornito dei chiarimenti relativi alla classificazione dei Comuni montani utilizzata per la quantificazione dell’Imu.

In particolare, è stato precisato che la classificazione per grado di montanità – che prevede la suddivisione dei Comuni in “totalmente montani”, “parzialmente montani” e “non montani” – non è una classificazione Istat ma l’esito dell’applicazione dell’art. 1 della Legge n. 991/52,rubricato “Determinazione dei territori montani”.

Tale classificazione è stata trasmessa all’Istat dall’Unione nazionale Comuni Comunità Enti montanied è stata inclusa tra le informazioni di interesse ai fini dello studio

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Concorsi: la Funzione pubblica adotta il Protocollo anti “Covid-19” per le prove selettive “in presenza”

Il Dipartimento della Funzione pubblica, in data 3 febbraio 2020, ha adottato il nuovo Protocollo per la prevenzione e la

Tosap: Società che occupa suolo pubblico con cavi e condutture, in virtù di affitto di ramo di azienda, è soggetto passivo

Nell’Ordinanza n. 21907 del 28 settembre 2017 della Corte di Cassazione, oggetto della controversia è l’occupazione da parte di una

Rendita catastale: riclassamento

Nell’Ordinanza n. 5793 del 27 febbraio 2019 della Corte di Cassazione, i Giudici di legittimità chiariscono che, in tema di