Imu/Tasi: chiarimenti del Mef sull’applicazione della riduzione per gli immobili concessi in comodato

Imu/Tasi: chiarimenti del Mef sull’applicazione della riduzione per gli immobili concessi in comodato

Per i contratti di comodato stipulati in forma scritta successivamente al 16 gennaio 2016, per godere dell’agevolazione in esame occorrerà registrare l’atto secondo le disposizioni che regolano l’Imposta di registro. Il periodo di fruizione dell’agevolazione sarà computato sulla base dell’art. 9, comma 2, del Dlgs. n. 23/11, prendendo a riferimento la data di stipula del contratto.

A chiarirlo è il Mef con la Risoluzione n. 1 del 17 febbraio 2016, pubblicata sul sito istituzionale del Dipartimento delle Finanze dello stesso Dicastero il 18 febbraio 2016, Prot. n. 3946, e rubricata “Imposta municipale propria (Imu) – Tributo per i servizi

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Revisori Enti Locali: scatta la prima integrazione dell’Elenco 2019

L’Elenco dei Revisori degli Enti Locali, approvato con il Decreto del Ministero dell’Interno 20 dicembre 2018 ed entrato in vigore

Contabilità: apportate delle modifiche al “Piano dei conti integrato” del 2018

Nella seduta del 17 gennaio 2018 la Commissione Arconet ha approvato alcune modifiche al “Piano dei conti integrato”. Le modifiche,

Contabilità economico-patrimoniale: per i Comuni sotto i 5.000 abitanti si va verso il rinvio al 2021

Con Nota 9 maggio 2019, pubblicata sul proprio sito istituzionale, l’Ifel (Istituto per la Finanza e l’Economia locale), ha reso