Imu/Tasi: chiarimenti del Mef sull’applicazione della riduzione per gli immobili concessi in comodato

Imu/Tasi: chiarimenti del Mef sull’applicazione della riduzione per gli immobili concessi in comodato

Per i contratti di comodato stipulati in forma scritta successivamente al 16 gennaio 2016, per godere dell’agevolazione in esame occorrerà registrare l’atto secondo le disposizioni che regolano l’Imposta di registro. Il periodo di fruizione dell’agevolazione sarà computato sulla base dell’art. 9, comma 2, del Dlgs. n. 23/11, prendendo a riferimento la data di stipula del contratto.

A chiarirlo è il Mef con la Risoluzione n. 1 del 17 febbraio 2016, pubblicata sul sito istituzionale del Dipartimento delle Finanze dello stesso Dicastero il 18 febbraio 2016, Prot. n. 3946, e rubricata “Imposta municipale propria (Imu) – Tributo per i servizi

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Ici: l’agevolazione per gli immobili di interesse storico-artistico si applica anche se la peculiarità riguarda solo parte dello stabile

Nella Sentenza n. 5152 del 12 settembre 2017 della Ctr Lazio, i Giudici affermano che, in materia di Ici, l’agevolazione

Società di gestione partecipata in via minoritaria: il Servizio espletato non è da ritenersi “di interesse generale”

Nella Delibera n. 75 del 16 maggio 2018 della Corte dei conti Puglia, un Sindaco chiede un parere in merito

Riscossione: come affidarla a Concessionari senza aggravi per il contribuente in caso di procedura esecutiva ex Rd. n. 639/1910?

Il testo del quesito: “L’art. 52 del Dlgs. n. 446/1997, prevede che l’affidamento della riscossione ai Concessionari di cui all’art.