In quali casi le fatture di vendita sono esenti da Imposta di bollo ed in quali sono soggette ?

In quali casi le fatture di vendita sono esenti da Imposta di bollo ed in quali sono soggette ?

Testo del quesito

“Nel caso di emissione di una fattura da parte di un Comune nei confronti di un altro Ente Pubblico (nel caso di specie una Asl), per una vendita di biglietti di ingresso (esenti Iva) riferiti all’incasso di un museo per l’ingresso all’area archeologica di un teatro romano, la fattura è soggetta all’Imposta di bollo ? In quali casi specifici le fatture di vendita sono soggette all’Imposta di bollo ?.

La risposta dei ns. esperti

Le fatture di vendita soggette a Imposta di bollo sono, in via generale, quelle in regime di esenzione Iva ex art. 10 del Dpr. n. 633/1972, per importi superiori a Euro 77,47.

Sono soggette poi ad Imposta di bollo le notule o note di addebito fuori campo Iva.

Nei rapporti tra Enti Pubblici ci sono peraltro delle eccezioni ai sensi dell’art. 16, Tabella, Allegato “B”, del Dpr. n. 642/72, che esenta in modo assoluto da Imposta di bollo [anche per importi superiori a Euro 77,47] – “Atti e documenti posti in essere da Amministrazioni dello Stato, Regioni, Province, Comuni, loro Consorzi (…) sempre che vengano tra loro scambiati”.

Possono beneficiare dell’esenzione soltanto gli Enti “espressamente” citati dalla norma ovvero rientranti nell’elenco tassativo dell’art. 16.

Ai fini dell’esenzione è necessario quindi verificare il singolo caso di specie; nello specifico, i Comuni possono beneficiare dell’esenzione essendo appunto citati dalla norma appena richiamata.

di Alessio Malucchi


Related Articles

Edilizia scolastica: al via l’operazione “#Sbloccascuole” per liberare risorse per interventi di ristrutturazione o costruzione di nuove scuoleù

E’ stato pubblicato il 2 febbraio 2016 sul Portale http://italiasicura.governo.it/ l’Avviso che segna l’avvio dell’operazione “#Sbloccascuole”, che punta a liberare

Ici: notifica a mezzo posta raccomandata ordinaria

Nell’Ordinanza n. 6857 dell’8 marzo 2019 della Corte di Cassazione, i Giudici di legittimità pongono in evidenza che: l’art.1, comma

Testamento biologico: gli adempimenti posti a carico dei Comuni per l’attuazione delle norme in materia di “fine-vita”

Il 31 gennaio 2018 è entrata in vigore la Legge n. 219/17, recante le “Norme in materia di consenso informato

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.