Incarichi esterni: se non autorizzati, il licenziamento è legittimo

Incarichi esterni: se non autorizzati, il licenziamento è legittimo

Nella Sentenza n. 28975 del 4 dicembre 2017 della Corte di Cassazione, un dipendente pubblico veniva licenziato per giusta causa in seguito ad una varietà di attività remunerative esterne in assenza della previa autorizzazione della propria Amministrazione di appartenenza. Il lavoratore proponeva ricorso contro l’illegittimità del licenziamento. La Suprema Corte osserva che l’art. 53, comma 7, del Dlgs n. 165/01, nel disporre che i dipendenti pubblici non possono svolgere incarichi retribuiti che non siano stati conferiti o previamente autorizzati dall’Amministrazione di appartenenza, prevede che, in caso di inosservanza del divieto, salve le più gravi sanzioni e ferma restando la responsabilità

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Revisori Enti Locali: sull’Elenco 2019 interviene il sesto Decreto di modifica

E’ stato pubblicato sul sito istituzionale della Direzione centrale per la Finanza locale del Viminale, il Dm. 28 maggio 2019,

Recupero Tarsu: nulla l’ingiunzione fiscale sottoscritta solo dall’Avvocato incaricato dal Comune

Nella Sentenza n. 418 del 9 marzo 2017 della Ctp di Firenze,la questione controversa riguarda due ingiunzioni fiscali per il

Concorsi pubblici: nulla la clausola di riserva sulla possibilità di non assumere il vincitore  

La Corte di Cassazione con la Sentenza n. 20735 del 1°ottobre 2014, afferma la nullità della clausola con cui l’Amministrazione