Incentivi per funzioni tecniche: possibile il riconoscimento al personale interno anche se la gara è stata espletata dalla Cuc

Incentivi per funzioni tecniche: possibile il riconoscimento al personale interno anche se la gara è stata espletata dalla Cuc

Nella Delibera 111 del 9 settembre 2020 della Corte dei conti Lombardia, un Sindaco chiede se possa essere riconosciuto al Direttore dell’esecuzione, appositamente nominato, l’incentivo tecnico di cui all’art. 113 del Dlgs. n. 50/2016, alla luce dei suoi rilevanti compiti strettamente connessi alla gara, la quale non è stata tuttavia eseguita in prima persona dal Comune in questione. La Sezione prende in considerazione l’ultimo periodo dell’art. 113, comma 2, del Dlgs. n. 50/2016, laddove è previsto che “la disposizione di cui al presente comma si applica agli appalti relativi a servizi o forniture nel caso in cui è nominato il Direttore dell’esecuzione”.

Il fatto che la gara non sia stata effettuata in prima persona dall’Ente stesso lascia presupporre che l’espletamento della procedura ad evidenza pubblica sia stata giuridicamente e materialmente conferita, dall’Ente destinatario del servizio aggiudicato, ad un soggetto terzo. Su tale profilo, la Sezione chiarisce che anche nel caso in cui l’Ente proceda mediante un soggetto aggregatore, non può dirsi di per sé escluso il riconoscimento di incentivi per funzioni tecniche, come è possibile evincere dalla norma contenuta nel comma 2 dell’art. 113, per la quale “gli Enti che costituiscono o si avvalgono di una centrale di committenza possono destinare il fondo o parte di esso ai dipendenti di tale centrale”.Dunque, questo non esclude la possibilità per l’Ente di stanziare e destinare una quota percentuale del “Fondo” ai dipendenti interni che operino nell’ambito della centrale di committenza. Sicché, può ritenersi ammissibile, ed in linea con il vigente panorama legislativo, il riconoscimento degli incentivi tecnici (di cui al citato art. 113), in capo al Direttore dell’esecuzione, purché “appositamente nominato” e, previo esperimento a monte di una gara d’appalto, anche nell’ipotesi in cui l’Ente si è avvalso per dell’espletamento e la gestione della procedura ad evidenza pubblica della Centrale unica di committenza.


Related Articles

Riassorbimento del personale delle Province: possibile utilizzare il 100% del turn over

  Nella Delibera n. 304 del 25 giugno 2015 della Corte dei conti Veneto, la Sezione: nega la possibilità che

Segretario della Sotto-Commissione elettorale circondariale: condizioni per la corresponsione del gettone di presenza

Nella Delibera n. 113 del 24 novembre 2016 della Corte dei conti Umbria, viene chiesto: – se sia legittimo, dato

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.