Informativa Antimafia: sopravvenienza di fatti favorevoli

Informativa Antimafia: sopravvenienza di fatti favorevoli

Nella Sentenza n. 2324 del 9 aprile 2019 del Consiglio di Stato, i Giudici chiariscono che il “venir meno delle circostanze rilevanti” di cui all’art. 91, comma 5, del Dlgs. n. 159/2011, non dipende dal mero trascorrere del tempo, in sé, ma dal sopraggiungere di obiettivi elementi diversi o contrari che ne facciano venir meno la portata sintomatica o perché ne controbilanciano, smentiscono e in ogni caso superano, la valenza sintomatica, o perché rendono remoto, e certamente non più attuale, il pericolo. I Giudici hanno chiarito sul piano letteraleche la clausola rebus sic stantibus, prevista dall’art. 86, comma 2, del Dlgs. n. 159/2011, comporta che in caso di sopravvenienza di fatti favorevoli all’imprenditore (ad esempio, in relazione ai casi di modificazioni degli assetti societari e gestionali dell’Impresa, in ipotesi capaci di modificare la valutazione alla base dell’Informativa), l’Amministrazione verifichi nuovamente se persistano ragioni di Sicurezza e di Ordine pubblico tali da prevalere sull’iniziativa e sulla libertà di impresa del soggetto inciso. Tuttavia, i Giudici sottolineano che, in caso di ripetute e strumentali reiterazioni di domande dirette ad ottenere un provvedimento di ritiro o di revoca di un’Interdittiva in corso di validità, collegate alla affermata rilevanza di sopravvenienze e fatti nuovi asseriti come favorevoli al soggetto inciso, la Prefettura può limitarsi:

– a verificare se la domanda sia accompagnata da un fatto realmente nuovo, perché sopravvenuto ovvero non conosciuto, che possa essere ritenuto effettivamente incidente sulla fattispecie (es. effettiva cessione dell’Impresa a soggetto del tutto estraneo al rischio di condizionamento o infiltrazione da parte della delinquenza organizzata);

– a valutare quindi se possano ritenersi venute meno quelle ragioni di Sicurezza e di Ordine pubblico in precedenza ritenute prevalenti sull’iniziativa e sulla libertà di impresa del soggetto inciso.

In caso di esito negativo di detta verifica, la Prefettura può semplicemente limitarsi a prendere atto della inesistenza di profili nuovi e, di conseguenza, adottare un atto di natura meramente confermativa; ciò a maggior ragione in presenza di Sentenze di conferma della legittimità dei precedenti provvedimenti.


Related Articles

Alterazione della presenza in servizio: truffa aggravata

Nella Sentenza n. 41426 del 25 settembre 2018 della Corte di Cassazione, la falsa attestazione del pubblico dipendente circa la

Contratti di “partenariato pubblico-privato”: possono essere considerati “irrilevanti” ai fini del bilancio dell’Ente pubblico

Nella Delibera n. 43 del 7 giugno 2019 della Corte dei conti Basilicata, viene chiesto un parere sulla corretta individuazione

Appalti e concessioni di servizio: obbligo di attivare una procedura competitiva

Nella Sentenza n. 12488 del 10 dicembre 2014, del Tar Lazio, i Giudici si esprimono sull’obbligo di attivare una procedura

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.