Installazione Impianto pubblicitario: legittimo il rifiuto del Comune a concedere l’autorizzazione se la strada è molto trafficata

Installazione Impianto pubblicitario: legittimo il rifiuto del Comune a concedere l’autorizzazione se la strada è molto trafficata

Nella Sentenza 654 del 5 aprile 2017 del Tar Campania, una Società ha impugnato il provvedimento con cui un Comune ne ha respinto l’istanza avente ad oggetto l’installazione di un cartellone pubblicitario, contestandone la legittimità per violazione degli artt. 7 e seguenti della Legge n. 241/90. In particolare, il provvedimento impugnato ha respinto la predetta istanza presentata dalla Società ricorrente sulla base dei pareri negativi resi dal Comando della Polizia municipale e dal Servizio “Manutenzioni infrastrutture”, da cui si deduce che l’Impianto si trova in corrispondenza di un crocevia con notevole intensità di traffico nonché in zona di smistamento veicolare tra viabilità cittadina ed area di imbarco ferroviario che crea pericolo per la viabilità, potendo ingenerare distrazione e/o deconcentrazione agli utenti della strada, con conseguenti criticità per la pubblica incolumità. Tale motivazione è ragionevole e i Giudici campani la condividono.

Infatti, non può rilevare la circostanza che nella zona interessata il traffico è spesso poco scorrevole, perché tale elemento, oltre a non essere costante nell’arco di una giornata, conferma proprio quanto emerso nel provvedimento impugnato e cioè che l’area in argomento è ad alta intensità veicolare. Circostanza che comporta un aumento esponenziale del rischio di incidenti che l’affissione del cartello pubblicitario potrebbe addirittura aggravare. Pertanto, è legittimo il provvedimento con cui il Comune rigetta l’istanza di autorizzazione per la collocazione di un impianto pubblicitario lungo una strada pubblica.


Related Articles

“Tia2”: per la Cassazione è applicabile l’Iva

L’art. 238 del Dlgs. 3 aprile 2006, n. 152 ha soppresso la “Tariffa integrata ambientale”, c.d. “Tia1”, sostituendola con la

Tari: illegittime le Delibere approvate tardivamente

Nella Sentenza n. 788 del 29 novembre 2018 del Tar Potenza, i Giudici chiariscono che le Delibere di approvazione delle

Tari: le riduzioni della tariffa deliberate per fronteggiare l’emergenza da “Covid-19” possono essere finanziate dal bilancio degli Enti

È stata pubblicata sul sito web dell’Ifel la Nota 24 aprile 2020, rubricata “La facoltà di disporre riduzioni del prelievo