Iva: ai fini della detraibilità, anche prospettica, rileva l’inerenza della spesa e l’assenza di una “macroscopica antieconomicità”

Iva: ai fini della detraibilità, anche prospettica, rileva l’inerenza della spesa e l’assenza di una “macroscopica antieconomicità”

Cassazione, Civile Sezione 5, Sentenza n. 22005 del 13 ottobre 2020

E’ possibile portare in detrazione l’Iva per investimenti su beni di terzi se sussiste il Principio di “inerenza” e se non vi è una macroscopica antieconomicità della operazione, anche in presenza di un contratto che presenta delle irregolarità. E’ quanto sancito dalla Corte di Cassazione con la Sentenza in commento.

Nel caso in esame, l’Agenzia delle Entrate aveva accertato ad una Associazione sportiva l’indebita detrazione dell’Iva su lavori di ristrutturazione e ammodernamento su immobili di proprietà di terzi. A parere dell’Agenzia, l’Associazione non aveva infatti un valido titolo autorizzativo per l’esecuzione delle opere su proprietà altrui e pertanto l’Iva sui conseguenti costi non poteva essere portata in detrazione.

L’Agenzia aveva riscontrato, in particolare, la sussistenza di una confusione tra la posizione dell’Associazione sportiva e quella dei 2 proprietari del terreno su cui ha sostenuto gli interventi (entrambi facenti parte della compagine associativa, uno come associato e l’altro quale legale rappresentante)

A parere della Corte, è possibile richiamare i Principi fissati dalla propria Sentenza delle Sezioni Unite 11 maggio 2018, n. 11533, in tema di diritto alla detrazione dell’Iva su immobili di proprietà di terzi utilizzati in locazione per l’attività d’impresa.

Le Sezioni Unite hanno infatti chiarito come sull’argomento debba privilegiarsi il carattere tendenzialmente assoluto del Principio di neutralità dell’Imposta come costantemente predicato dalla Corte di Giustizia Ue (Corte di Giustizia – Sentenza 28 febbraio 2018, C-672/16; Sentenza 14 settembre 2017, C-132/16; Sentenza 18 luglio 2013, C-124/12; Sentenza 29 ottobre 2009, C-29/08), con soluzione da recepirsi nell’ordinamento domestico secondo il seguente Principio di diritto: “deve riconoscersi il diritto alla detrazione Iva per lavori di ristrutturazione o manutenzione anche in ipotesi di immobili di proprietà di terzi, purché sia presente un nesso di strumentalità con l’attività d’impresa o professionale, anche se quest’ultima sia potenziale o di prospettiva. E ciò pur se – per cause estranee al contribuente – la predetta attività non abbia poi potuto concretamente esercitarsi”.

Tali regole – prosegue la Pronuncia delle Sezioni Unite – “appunto permettono di far salvo il fondamentale Principio europeo del diritto alla detrazione relativamente a beni che sono comunque strumentali all’attività d’impresa – dalla giurisprudenza unionale da negarsi soltanto in ipotesi del tutto eccezionali – subordinatamente alla riscontrata sussistenza della essenziale condizione del nesso di strumentalità dell’immobile che consenta di evitare a chi è nella sostanza un ‘consumatore finale’ di potersi detrarre l’imposta. Un nesso di strumentalità il quale viene meno soltanto quando l’attività economica anche potenziale cui avrebbe dovuto accedere non sia stata intrapresa per circostanze non estranee al contribuente. E con l’ulteriore aggiunta che la questione all’esame nulla a che fare con fattispecie abusive – o elusive – risolvendosi invece unicamente nello stabilire con un tipico accertamento di fatto se il diritto spetta o non spetta per la rammentata ragione della esistenza o meno della natura strumentale dell’immobile rispetto all’attività economica in concreto svolta o che il contribuente avrebbe potuto svolgere”.

La Cassazione ha poi integrato le suesposte conclusioni richiamando la Sentenza, Sezione 5, 28 dicembre 2018, n. 33574, secondo cui, “in tema di detrazione di costi, l’inerenza deve essere valutata secondo un giudizio di carattere qualitativo, e non quantitativo, correlato all’attività di impresa, con la conseguenza che, in tema di Iva, la stessa non può essere esclusa solo in virtù di un giudizio sulla congruità del costo che non condiziona né esclude il diritto alla detrazione, salvo che l’Amministrazione finanziaria dimostri la macroscopica antieconomicità della operazione, che costituisce elemento sintomatico dell’assenza di correlazione della stessa con l’esercizio dell’attività imprenditoriale”, nonché – nella medesima prospettiva, e con riferimento alle spese detraibili per immobili ad uso abitativo ex art. 19 del Dpr. n. 633/1972, alla Sentenza, Sezione 5, 24 settembre 2019, n. 23694, per la quale dette spese sono detraibili “ove ne venga accertata, in concreto, l’inerenza all’attività di impresa attraverso la verifica della sussistenza di un nesso oggettivo tra il bene e l’esercizio dell’attività economica del soggetto passivo, anche tenendo conto di una valutazione meramente prospettica”.

di Francesco Vegni


Related Articles

Notifica: è nullo l’atto notificato ex art. 140 Cpc. senza la sottoscrizione dell’avviso di ricevimento della raccomandata informativa

Nell’Ordinanza n. 7388 del 17 marzo 2020 della Corte di Cassazione, i Giudici di legittimità affermano che in tema di

Piano operativo “Sport e periferie”: le risorse stanziate per colmare il “gap” infrastrutturale sportivo

È stata pubblicata sulla G.U. n. 168 del 21 luglio 2018 la Delibera del Comitato interministeriale per la programmazione economica

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.