Iva: è detraibile se l’Ufficio non dimostra la malafede del cessionario

Iva: è detraibile se l’Ufficio non dimostra la malafede del cessionario

Nella Sentenza della Ctp. Lecce n. 186/02/15 del 16 gennaio 2015, la controversia è nata da un avviso di accertamento ai fini Ires, Iva e Irap per il 2006 con cui l’Ufficio contestava alcune operazioni poste in essere dalla contribuente ritenendole in parte anomale, quanto agli importi, alla natura dei servizi fatturati, nonché all’attività esercitata, e in parte inesistenti. I Giudici pugliesi hanno affermato che,qualora di inesistenza si voglia parlare, sarà in ogni caso una inesistenza soggettiva dell’operazione che, ai sensi dell’art. 8 del Dl. n. 16/12, convertito con modificazioni dalla Legge n. 4/12,dà diritto comunque alla detrazione dei costi. Del pari, alla contribuente deve essere riconosciuto il diritto alla detrazione dell’Iva. Infatti, i Giudici hanno osservato la giurisprudenza della Corte di giustizia Ue e a quella della Cassazione, rilevando che, in presenza di operazioni soggettivamente inesistenti l’Amministrazione finanziaria, per contestare l’indeducibilità dell’Iva, deve dimostrare la partecipazione consapevole del contribuente alla frode posta in essere da terzi.In particolare,l’Amministrazione non può pretendere che chi intenda esercitare il diritto alla detrazione dell’Iva verifichi che l’emittente ha la qualità di soggetto passivo, che disponga dei beni necessaria all’espletamento dell’attività e sia in grado di fornirli e che abbia soddisfatto i propri obblighi di dichiarazione e di pagamento dell’Iva. Infine, per quanto riguarda i costi per spese carburante, i Giudici hanno statuito che nel caso deve riconoscersene la piena deducibilità, atteso che “la mancata indicazione dei chilometri percorsi dagli automezzi deve ritenersi un’irregolarità meramente formale”.


Tags assigned to this article:
CtpIVA

Related Articles

“Riforma Madia”: in G.U. i Decreti legislativi su Pubblico Impiego e valutazione della performance

Sono stati pubblicati sulla G.U. n. 130 del 7 giugno 2017, i Decreti legislativi n. 74 e 75 del 25

Inconferibilità di incarichi: Anac chiede di estenderla anche per le condanne della corte dei conti

Il 15 gennaio 2020, l’Anac rende noto di aver fornito, con la Delibera n. 1201/2019, indicazioni sulla corretta interpretazione della

Affidamento “in house providing” della gestione della Farmacia comunale

Consiglio di Stato, Sezione III, Sentenza 3 marzo 2020 n. 1564 Sulla legittimità dell’affidamento “in house providing” della gestione della