Iva e riforma del “Terzo Settore”: alcuni chiarimenti sul regime fiscale da applicare alle attività socio-formative da parte di una Impresa sociale

Iva e riforma del “Terzo Settore”: alcuni chiarimenti sul regime fiscale da applicare alle attività socio-formative da parte di una Impresa sociale

L’Agenzia delle Entrate, con la Risposta all’Istanza di Interpello n. 388 del 3 giugno 2021, ha fornito chiarimenti in ordine al regime Iva da applicare, ai sensi dell’art. 10, nn. 20), 21) e 27-ter), del Dpr. n. 633/1972, alla gestione di servizi e attività socio-formative da parte di una Srl, che si propone di acquisire la qualifica di Impresa sociale. 

L’Agenzia ha ricordato i contenuti delle sopra citate norme, le quali contengono il riferimento agli “Enti del Terzo Settore di natura non commerciale”, in luogo della vecchia definizione di “Onlus”, a seguito dell’intervento del

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Mobilità: va attuata con riferimento non solo al personale della Provincia di appartenenza ma a tutto il personale delle Province

Nella Delibera n. 234 del 20 luglio 2015 della Corte dei conti Lombardia, un Sindaco ha posto alla Sezione in

Tari: illegittima la Delibera di fissazione delle aliquote adottata oltre il termine di approvazione del bilancio di previsione

Nella Sentenza n. 392 dell’8 aprile 2016 del Tar Reggio Calabria è stato accolto il ricorso proposto dal Ministero dell’Economia

“Coronavirus”: la Corte dei conti dispone specifiche linee d’indirizzo agli Amministratori pubblici sui controlli interni

Con la Delibera n. 18 del 22 ottobre 2020 della Corte dei conti, la Sezione Autonomie ha approvato le “Linee di

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.