Iva: non si applica il “reverse charge” all’attività di verifica di impianti elettrici di messa a terra

Iva: non si applica il “reverse charge” all’attività di verifica di impianti elettrici di messa a terra

Con la Risoluzione dell’Agenzia delle Entrate n. 111/E del 11 agosto 2017, viene confermata l’inapplicabilità del “reverse charge” all’attività di verifica degli impianti di messa a terra da parte di soggetti abilitati dal Ministero delle Attività produttive, ai sensi del Dpr. n. 462/01, presso attività pubbliche o private.

In particolare, con l’Interpello in oggetto, una Società abilitata esercitante attività di verifica o, come precisato dall’Istante, di “collaudo programmato”, degli impianti di messa a terra con rilascio di conformità alla normativa degli impianti elettrici chiede il parere dell’Agenzia delle Entrate in merito alla correttezza dell’utilizzo del codice

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Novità editoriale – “Fattura elettronica B2B nell’Ente pubblico e nelle Società ed Aziende pubbliche”

DISPONIBILE IL NUOVO EBOOK EDITO DA CENTRO STUDI ENTI LOCALI “FATTURA ELETTRONICA B2B NELL’ENTE PUBBLICO E NELLE SOCIETÀ ED AZIENDE PUBBLICHE”, di Cesare

Appalti: nessuna seduta pubblica per l’apertura delle offerte tecniche nelle procedure telematiche

Nella Sentenza n. 4990 del 25 novembre 2016 del Consiglio di Stato, i Giudici si esprimono sulla corretta applicazione della

Edilizia residenziale pubblica: ammesso a finanziamento il programma di recupero e razionalizzazione immobili di Comuni e Iacp

Con Dm. 12 ottobre 2015, pubblicato sulla G.U. n. 265 del 13 novembre 2015, vengono quantificate e assegnate risorse alle