“Jobs Act”: in Gazzetta i due Decreti attuativi in materia di ammortizzatori sociali e contratti a tutele crescenti

“Jobs Act”: in Gazzetta i due Decreti attuativi in materia di ammortizzatori sociali e contratti a tutele crescenti

Sono stati pubblicati sulla Gazzetta Ufficiale n. 54 del 6 marzo 2015 i primi 2 Decreti attuativi del Dl. n. 183/14, Legge-delega per la riforma del lavoro meglio nota come “Jobs Act”.

Il primo dei 2 Provvedimenti – il Dlgs. 4 marzo 2015, n. 22 – introduce delle disposizioni finalizzate al riordino della normativa in materia di ammortizzatori sociali in caso di disoccupazione involontaria e di ricollocazione dei lavoratori disoccupati, mentre il secondo – il Dlgs. 4 marzo 2015, n. 23 – disciplina i contratti di lavoro a tempo indeterminato “a tutele crescenti”.

Ricordiamo che già nella conferenza-stampa di fine anno, tenutasi il 29 dicembre 2014 a Palazzo Chigi, il Presidente del Consiglio Matteo Renzi aveva spiegato che volutamente la riforma del lavoro non avrebbe interessato il Comparto P.A., poiché l’intenzione dell’Esecutivo era quella di affrontare il capitolo “dipendenti pubblici”separatamente, in uno specifico Ddl.

Per inciso il Disegno di legge in questione, a firma Madia, è attualmente all’esame della Commissione Affari costituzionali del Senato.

Dlgs. n. 22-2015
Dlgs. n. 23-2015

 


Related Articles

“Manovra 2016”: le modifiche alla disciplina fiscale applicabile al Settore agricolo

Tra i molti ambiti disciplinati dal Disegno di legge rubricato “Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello

La legittimazione processuale non spetta al Concessionario alla riscossione, bensì all’Ente creditore, che deve essere chiamato in causa

Nella Sentenza n. 1534/21/2015 della Ctr Caltanisetta, i Giudici affermano che, in materia di impugnazione della cartella esattoriale, la tardività

Durc: conformità tra normativa italiana e comunitaria

Nell’Ordinanza n. 1236 dell’11 marzo 2015, il Consiglio di Stato, Sezione Quarta, ha sollevato una questione pregiudiziale dinanzi alla Corte