La cessazione ex “Tusp” delle Società pubbliche soggette a processi di razionalizzazione e revisione da parte dei Comuni è senza agevolazioni fiscali

La cessazione ex “Tusp” delle Società pubbliche soggette a processi di razionalizzazione e revisione da parte dei Comuni è senza agevolazioni fiscali

Lo scioglimento di Società pubbliche disposto ai sensi dell’art. 20 del Dlgs. n. 175/16 (“Testo unico delle Società a partecipazione pubblica” – “Tusp”) non beneficia dell’esenzione fiscale Ires ed Irap se deliberato dopo il 6 maggio 2016. E’ quanto sostiene l’Agenzia delle Entrate con la risposta all’Istanza di Interpello n. 912-33/2018 emanata dalla Direzione regionale Umbria su quesito posto da una Società pubblica di gestione del “Servizio idrico integrato” in procinto di essere sciolta dai soci pubblici.

Più nel dettaglio, si ricorda che l’art. 1, comma 568-bis,Legge n. 147/13, in vigore dal

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Anticipazione di Tesoreria: condizioni per il ricorso da parte dell’Ente Locale in costanza di esercizio provvisorio

  Nella Delibera n. 175 del 28 aprile 2015 della Corte dei conti Lombardia, viene richiesto un parere sulle modalità

“Legge di stabilità 2014”: chiarimenti delle Entrate in materia di accertamento, contenzioso, fiscalità degli immobili e crediti d’imposta

E’ stata pubblicata il 14 maggio 2014 sul sito dell’Agenzia delle Entrate la Circolare n. 10/E, che risponde ai quesiti

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.