Le Società a controllo pubblico: una geometria ad assetto variabile

Le Società a controllo pubblico: una geometria ad assetto variabile

La Corte dei conti – Sezione Autonomie, interviene sul tema della definizione della qualifica di “Società a controllo pubblico” ai sensi del Tusp (Delibera n. 11/2019) e segnatamente sul combinato disposto ex art. 2, comma 1, lett. m) e b), in ciò chiamata in causa dalla Sezione regionale di controllo per l’Umbria, che aveva sospeso un proprio parere atteso le divergenti interpretazioni date da altre Sezioni di controllo oltre a quella fornita dal Mef e da ultima anche dal Giudice amministrativo.

Si nota che la Sezione delle Autonomie interviene sullo stesso argomento affrontato dalla Corte dei conti a

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Rapporti debiti-crediti fra Enti e Società: la Nota informativa deve essere asseverata anche dai Revisori delle partecipate

Nella Delibera n. 2 del 20 gennaio 2016 della Corte dei conti Autonomie, la questione proposta dalla Sezione remittente è

Gare d’appalto: il fatto che si svolgano sul Mepa non solleva le stazioni appaltanti dall’obbligo di verificare i requisiti dell’aggiudicatario

Il fatto che Consip effettui dei controlli sulla veridicità delle dichiarazioni sostitutive in ordine al possesso dei requisiti di carattere

“Decreto Semplificazioni”: tra le novità l’avvio della Dichiarazione dei redditi precompilata

È stato pubblicato in G.U. n. 277 del 28 novembre 2014 il Dlgs. 21 novembre 2014, n. 175, avente ad

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.