“Legge europea sul Clima” in dirittura di arrivo

“Legge europea sul Clima” in dirittura di arrivo

La Commissione accoglie con favore l’Accordo provvisorio odierno tra i co-Legislatori sulla “Legge europea sul Clima”. Elemento fondamentale del Green Deal europeo, la “Legge europea sul Clima” sancisce l’impegno dell’UE a raggiungere la neutralità climatica entro il 2050 e l’Obiettivo intermedio di ridurre le emissioni nette di gas a effetto serra di almeno il 55 % entro il 2030 rispetto ai livelli del 1990. L’Accordo in questione costituisce una pietra miliare per la Commissione von der Leyen, in quanto tiene fede a uno degli impegni annunciati negli Orientamenti politici della Presidente nel luglio 2019.

La Presidente Ursula von der Leyen ha dichiarato: “Sono felice di questo Accordo raggiunto su un elemento essenziale del Green Deal europeo. Il nostro impegno politico di diventare il primo Continente a impatto climatico zero entro il 2050 è ora anche un impegno giuridico. La ‘Legge sul Clima’ pone l’UE su un percorso verde per un’intera generazione, è l’impegno solenne preso con i nostri figli e nipoti“.

Frans Timmermans, Vice-Presidente esecutivo responsabile per il Green Deal europeo, ha aggiunto: “Questa è una tappa storica per l’UE. Abbiamo raggiunto un Accordo ambizioso che iscrive l’Obiettivo della neutralità climatica in una legislazione vincolante che sarà nostra guida nelle Politiche per i prossimi 30 anni. La ‘Legge sul Clima’ darà forma alla ripresa verde dell’UE e assicurerà una Transizione verde socialmente equa. L’Accordo di oggi rafforza la nostra posizione mondiale di preminenza nella lotta alla crisi climatica. Quando i Leader mondiali si riuniranno in occasione della Giornata della Terra, l’UE porterà questa buona notizia al tavolo dei negoziati, e auspichiamo che ispiri i nostri Partner internazionali. Oggi è un giorno felice per i nostri cittadini e per il Pianeta.”

Oltre all’Obiettivo della neutralità climatica entro il 2050, l’Accordo odierno rafforza il “Quadro d’azione europeo per il clima”, grazie agli elementi seguenti:

  • un ambizioso obiettivo climatico per il 2030: ridurre le emissioni nette di almeno il 55 % rispetto al 1990 precisando il contributo delle riduzioni e degli assorbimenti delle emissioni;
  • il riconoscimento della necessità di rafforzare il pozzo di assorbimento del carbonio dell’UE attraverso un regolamento LULUCF più ambizioso, sul quale la Commissione presenterà proposte nel giugno 2021;
  • il processo di definizione dell’Obiettivo climatico per il 2040, tenendo conto del bilancio indicativo per i gas a effetto serra sul periodo 2030-2050 che sarà pubblicato dalla Commissione;
  • un impegno sulle emissioni negative dopo il 2050;
  • l’istituzione di un Comitato scientifico consultivo europeo sui cambiamenti climatici che formulerà pareri scientifici indipendenti;
  • disposizioni più rigorose sull’adattamento ai cambiamenti climatici;
  • una forte coerenza tra le Politiche dell’Unione e l’obiettivo della neutralità climatica;
  • l’impegno di avviare un dialogo con i vari Settori per elaborare tabelle di marcia settoriali che indichino il percorso verso la neutralità climatica nei diversi comparti dell’economia.

Contesto

La Commissione ha presentato la Proposta di legge europea sul Clima il 4 marzo 2020. Una volta approvato formalmente da Parlamento e Consiglio l’Accordo odierno, la “Legge europea sul Clima” sarà pubblicata nella Gazzetta ufficiale dell’Unione ed entrerà in vigore.


Related Articles

Contributi Agcom per esercizio funzioni delegate ai Co.Re.Com.: vincoli di finanza pubblica e finanziamento fondi per salario accessorio

Nella Delibera n. 23 del 28 settembre 2017 della Corte dei conti Autonomie, la Sezione si esprime in merito all’utilizzo

Bando di concorso di una Società partecipata: è discriminatorio prevedere la cittadinanza italiana tra i requisiti per l’ammissione

Nell’Ordinanza del Tribunale di Torino del 18 maggio 2018, i Giudici si esprimono sul bando di concorso, emanato da una

Esclusione: illegittima nei confronti di un concorrente che ha prodotto referenze bancarie ritenute generiche dalla stazione appaltante

Nel Parere Anac n. 47 dell’8 aprile 2015 una Srl, con istanza di parere, contestava l’illegittimità del provvedimento di esclusione

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.