Liquidazione periodica trimestrale Iva: come contabilizzare la quota di interessi maturati?

Liquidazione periodica trimestrale Iva: come contabilizzare la quota di interessi maturati?

Il testo del quesito:

Con riferimento alla liquidazione periodica trimestrale Iva si chiede un parere sulle modalità di contabilizzazione della quota interessi maturati (nella misura pari all’1% dell’importo liquidato nel trimestre).

Nello specifico chiediamo se all’atto della liquidazione dovranno essere emessi 2 mandati di pagamento distinti (uno per l’importo Iva liquidato e l’altro per la quota interesse correlata) e quali siano i conti finanziari più idonei tra quelli previsti nel ‘Piano dei conti rilasciato da Arconet”.

 

La risposta dei ns. esperti.

In merito al quesito posto, facciamo presente che, in contabilità finanziaria, gli interessi dovuti sui versamenti Iva trimestrali (1% dell’importo liquidato) non si classificano come distinti dal debito Iva ma sono parte integrante dello stesso (in tal senso vedasi codici Siope). Pertanto, il mandato di pagamento (“P.F. U.1.10.03.01.001” – “Versamenti IVA a debito per le gestioni commerciali”) che l’Ufficio finanziario emetterà per il versamento dell’Iva trimestrale sarà unico e di importo pari al debito risultante dalla liquidazione periodica.

Con riferimento alla modalità di contabilizzazione, precisiamo che la scritturazione contabile appena riportata non permette di evidenziare correttamente la posta contabile di costo, relativa agli interessi passivi pagati a seguito delle liquidazioni trimestrali Iva, né tantomeno permette di automatizzare la rilevazione in contabilità economico patrimoniale (alla voce “P. 3.1.1.06.03.001Altri interessi passivi a Amministrazioni centrali”). Ciò rende necessario una scrittura di rettifica, da effettuare anche solo in soluzione unica a fine esercizio per l’importo totale degli interessi pagati sulle liquidazioni periodiche annuali, al fine di rilevare correttamente nel prospetto di Conto economico gli interessi di che trattasi.

In alternativa, al fine di poter rendere omogeneo il trattamento contabile in entrambe le contabilità (finanziaria ed economico-patrimoniale), occorrerà, per ogni trimestre di riferimento, effettuare in aggiunta un impegno di spesa per la sola quota interessi sul “P.F. U.1.07.06.99.001” – “Altri interessi passivi a Amministrazioni centrali”. Tale metodologia contabile permetterebbe inoltre di valorizzare in maniera automatica, in contabilità economico-patrimoniale (se correttamente previsto dal software contabile), il costo per interessi passivi nel prospetto di Conto economico.

di Giuseppe Vanni

 


Related Articles

“Decreto Aiuti”: pubblicato in Gazzetta il Decreto con gli interventi per contrastare il rincaro dei prezzi energetici

Sulla G.U. n. 50 del 17 maggio 2022 è stato pubblicato il Decreto-legge 17 maggio 2022, n. 50, recante “Misure

“Processo tributario telematico”: ormai prossimo l’avvio in Veneto ed in Emilia Romagna

Con Nota Ifel 1° dicembre 2016, il Mef rende noto l’avvio, a partire dal 15 dicembre 2016, del “Processo tributario

“Ddl. Stabilità 2018”: le principali misure per la P.A.

Il Consiglio dei Ministri, con il Comunicato-stampa n. 51 del 16 ottobre 2017, ha dato notizia dell’approvazione del Disegno di