Mansioni superiori: attribuzione anche senza il consenso del lavoratore

Mansioni superiori: attribuzione anche senza il consenso del lavoratore

L’Aran, nell’Orientamento applicativo Ral_1945, pubblicato il 26 settembre 2017, ha chiarito che l’assegnazione di mansioni superiori nel rapporto di lavoro con la P.A. si configura come esercizio di un potere unilaterale da parte del datore di lavoro che trova la sua fonte, sia nella legge che nella contrattazione. Infatti, l’unilateralità del potere modificativo è coerente con la complessiva regolamentazione dell’assegnazione a mansioni superiori del dipendente la quale, pure essendo articolata e particolareggiata, non richiede mai formalmente ed espressamente il preventivo consenso del dipendente stesso.

Secondo l’Agenzia, la formulazione testuale si presta ad essere interpretata nel senso di riconoscere a ciascun

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Trasferimento funzione di Polizia locale dall’Unione ai singoli Comuni membri: il Comune può procedere all’emissione dei ruoli?

Il testo del quesito “Anni fa 8 Comuni trasferivano la funzione di Polizia locale all’Unione dei Comuni di cui fanno

Riforma della contabilità: il punto della Ragioneria generale dello Stato sulle nuove regole della finanza pubblica (“pareggio di bilancio”)

Il Ministero dell’Economia e delle Finanza – Ragioneria generale dello Stato, ha pubblicato in data 19 febbraio 2016 sul proprio

Personale dipendente in missione: indennità per le spese sostenute con l’utilizzo del mezzo proprio

Nella Delibera n. 202 del 21 novembre 2014 della Corte dei conti Puglia, pubblicata il 2 dicembre 2014 sul relativo