Mansioni superiori: attribuzione anche senza il consenso del lavoratore

Mansioni superiori: attribuzione anche senza il consenso del lavoratore

L’Aran, nell’Orientamento applicativo Ral_1945, pubblicato il 26 settembre 2017, ha chiarito che l’assegnazione di mansioni superiori nel rapporto di lavoro con la P.A. si configura come esercizio di un potere unilaterale da parte del datore di lavoro che trova la sua fonte, sia nella legge che nella contrattazione. Infatti, l’unilateralità del potere modificativo è coerente con la complessiva regolamentazione dell’assegnazione a mansioni superiori del dipendente la quale, pure essendo articolata e particolareggiata, non richiede mai formalmente ed espressamente il preventivo consenso del dipendente stesso.

Secondo l’Agenzia, la formulazione testuale si presta ad essere interpretata nel senso di riconoscere a ciascun

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Quer pasticciaccio brutto dello “split payment” per le Società partecipate dagli Enti Locali

L’applicazione dello “split payment” per le Società partecipate dagli Enti Locali non trova la pace. Infatti, quando pensavamo di aver

Mobilità per interscambio tra dipendenti comunali in possesso del profilo professionale di Agente di Polizia municipale

Nella Delibera n. 444 del 20 ottobre 2015 della Corte dei conti Toscana, la questione controversa verte sulla possibilità, per

Opere pubbliche per messa in sicurezza di edifici e territorio: approvato il Modello per richiedere i contributi

In data 29 agosto 2018, è stato pubblicato sul sito istituzionale del Viminale – Direzione centrale della Finanza locale, il