Mansioni superiori: attribuzione anche senza il consenso del lavoratore

Mansioni superiori: attribuzione anche senza il consenso del lavoratore

L’Aran, nell’Orientamento applicativo Ral_1945, pubblicato il 26 settembre 2017, ha chiarito che l’assegnazione di mansioni superiori nel rapporto di lavoro con la P.A. si configura come esercizio di un potere unilaterale da parte del datore di lavoro che trova la sua fonte, sia nella legge che nella contrattazione. Infatti, l’unilateralità del potere modificativo è coerente con la complessiva regolamentazione dell’assegnazione a mansioni superiori del dipendente la quale, pure essendo articolata e particolareggiata, non richiede mai formalmente ed espressamente il preventivo consenso del dipendente stesso.

Secondo l’Agenzia, la formulazione testuale si presta ad essere interpretata nel senso di riconoscere a ciascun

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

“Amministratori sotto tiro”: nel 2019 sono state 559 le minacce e le intimidazioni mafiose e criminali nei confronti di chi opera nella P.A.

Un totale di 559 atti intimidatori registrati in 83 Province italiane e 336 Comuni, il dato più alto mai registrato:

“Decreto Enti Locali”: analisi delle disposizioni introdotte dal Dl. n. 78/15

Il Dl. 19 giugno 2015, n. 78, rubricato “Disposizioni urgenti in materia di enti territoriali”, è stato pubblicato sulla G.U.

Fatture elettroniche: motivi che possono giustificare il rifiuto nei 15 giorni successivi alla ricezione

Il quesito: “Quali sono i motivi che possono giustificare il rifiuto della fattura elettronica nei 15 giorni successivi alla sua