Mansioni superiori: il trattamento economico superiore non incide sulla indennità di buonuscita

Mansioni superiori: il trattamento economico superiore non incide sulla indennità di buonuscita

Con la Sentenza n. 10413/14, la Corte di Cassazione è intervenuta in materia di buonuscita dei dipendenti pubblici. La Suprema Corte ha osservato che, in base agli artt. 3 e 38 del Dpr. n. 1032/73, per la determinazione dell’indennità dei dipendenti pubblici che non hanno conseguito la qualifica dirigenziale, deve essere considerato, quale base di calcolo, lo stipendio della qualifica di appartenenza e non quello corrisposto per l’esercizio temporaneo, in posizione di reggenza, delle mansioni per la superiore qualifica di dirigente. Pertanto il dipendente che in una situazione di reggenza svolga di fatto mansioni superiori ha diritto, per il periodo dello svolgimento di tali mansioni, ad un trattamento economico corrispondente alla qualifica superiore, ma tale trattamento temporaneo, non ha nessuna incidenza sulla indennità di buonuscita, che deve essere comparata esclusivamente al trattamento retributivo relativo alla qualifica di appartenenza.


Tags assigned to this article:
buonuscitacassazionedipendenti pubblici

Related Articles

Ici: esenzione per le “Camere di lavoro”

Nella Sentenza n. 19321 del 18 luglio 2019 della Corte di Cassazione, la questione controversa riguarda l’attività svolta dalle “Camere

Ici: area scoperta per lo svolgimento l’attività di Impresa

Nell’Ordinanza n. 4223 del 13 febbraio 2019 della Corte di Cassazione, un Consorzio proponeva ricorso avverso l’avviso di accertamento Ici

Attività venatoria: ordinanza contingibile e urgente

Nella Sentenza n. 7 del 20 febbraio 2020 del Tar Valle d’Aosta, i Giudici affermano che pur a fronte di