Mansioni superiori: il trattamento economico superiore non incide sulla indennità di buonuscita

Mansioni superiori: il trattamento economico superiore non incide sulla indennità di buonuscita

Con la Sentenza n. 10413/14, la Corte di Cassazione è intervenuta in materia di buonuscita dei dipendenti pubblici. La Suprema Corte ha osservato che, in base agli artt. 3 e 38 del Dpr. n. 1032/73, per la determinazione dell’indennità dei dipendenti pubblici che non hanno conseguito la qualifica dirigenziale, deve essere considerato, quale base di calcolo, lo stipendio della qualifica di appartenenza e non quello corrisposto per l’esercizio temporaneo, in posizione di reggenza, delle mansioni per la superiore qualifica di dirigente. Pertanto il dipendente che in una situazione di reggenza svolga di fatto mansioni superiori ha diritto, per il periodo dello svolgimento di tali mansioni, ad un trattamento economico corrispondente alla qualifica superiore, ma tale trattamento temporaneo, non ha nessuna incidenza sulla indennità di buonuscita, che deve essere comparata esclusivamente al trattamento retributivo relativo alla qualifica di appartenenza.


Tags assigned to this article:
buonuscitacassazionedipendenti pubblici

Related Articles

Eurogruppo: bilancio programmatico dell’Italia a rischio di deviazione significativa dagli obiettivi di finanza pubblica

Il bilancio programmatico dell’Italia è a rischio di deviazione significativa dagli obiettivi di finanza pubblica. Non resta quindi che attendere

Turn-over: cumulabilità dei resti nel triennio

Nella Delibera n. 445 del 30 novembre 2015 della Corte dei conti Lombardia, la Sezione rileva che, con riferimento all’applicazione

Contratti secretati: siglata l’intesa tra Anac e Corte dei conti per vigilare sugli stessi e dare linee d’indirizzo agli Enti

Con un Comunicato congiunto datato 2 febbraio 2017, il Presidente della Corte dei conti, Arturo Martucci di Scarfizzi, e il