Mansioni superiori: il trattamento economico superiore non incide sulla indennità di buonuscita

Mansioni superiori: il trattamento economico superiore non incide sulla indennità di buonuscita

Con la Sentenza n. 10413/14, la Corte di Cassazione è intervenuta in materia di buonuscita dei dipendenti pubblici. La Suprema Corte ha osservato che, in base agli artt. 3 e 38 del Dpr. n. 1032/73, per la determinazione dell’indennità dei dipendenti pubblici che non hanno conseguito la qualifica dirigenziale, deve essere considerato, quale base di calcolo, lo stipendio della qualifica di appartenenza e non quello corrisposto per l’esercizio temporaneo, in posizione di reggenza, delle mansioni per la superiore qualifica di dirigente. Pertanto il dipendente che in una situazione di reggenza svolga di fatto mansioni superiori ha diritto, per il periodo dello svolgimento di tali mansioni, ad un trattamento economico corrispondente alla qualifica superiore, ma tale trattamento temporaneo, non ha nessuna incidenza sulla indennità di buonuscita, che deve essere comparata esclusivamente al trattamento retributivo relativo alla qualifica di appartenenza.


Tags assigned to this article:
buonuscitacassazionedipendenti pubblici

Related Articles

Oneri smaltimento di arredi scolastici non più utilizzabili: spetta al Comune farsene carico

Nella Delibera n. 28 del 26 marzo 2020 della Corte dei conti Puglia, un Sindaco ha chiesto un parere diretto

“Legge europea 2017”: pubblicazione in Gazzetta Ufficiale

E’ stata pubblicata in G.U. la Legge 20 novembre 2017, n. 167, concernente “Disposizioni per l’adempimento degli obblighi derivanti dall’appartenenza

Affidamento gestione Impianti sportivi: necessario un confronto concorrenziale

Nella Delibera n. 713 del 28 giugno 2016, l’Anac ritiene non conforme all’art. 30 del Dlgs. n. 163/06 la procedura