Messa in sicurezza delle scuole: in G.U. il Dpcm. sui poteri derogatori a Sindaci e Presidenti delle Province, ma il termine è già scaduto

 

E’ stato pubblicato sulla G.U. n. 64 del 18 marzo 2014, con considerevole ritardo, il Dpcm. 22 gennaio 2014, recante “Definizione di poteri derogatori ai Sindaci e ai Presidenti delle Province interessati che operano in qualità di Commissari governativi per l’attuazione delle misure urgenti in materia di riqualificazione e di messa in sicurezza delle Istituzioni scolastiche statali”.

Il Decreto stabilisce i poteri derogatori da attribuire ai Sindaci e ai Presidenti delle Province perché possano portare a termine, negli stretti tempi previsti, gli adempimenti relativi alla messa in sicurezza degli edifici scolastici, finanziati ai sensi dell’art. 18, comma 8-ter, del Dl. n. 69/13, convertito con modificazioni dalla Legge n. 98/13 (“Decreto del fare”).

In sintesi, con riferimento a queste particolari opere pubbliche (la lista degli interventi finanziati – per un totale di Euro 150 milioni – è stata pubblicata nella Tabella allegata al Decreto Miur 5 novembre 2013), Presidenti di Provincia e Sindaci sono, fino al 31 dicembre 2014, dei Commissari governativi.

In ragione dell’urgenza degli interventi in questione, gli Amministratori coinvolti sono autorizzati a derogare a una serie di disposizioni contenute nel Dlgs. n. 163/06 (“Codice degli appalti”), nel relativo Regolamento attuativo (Dpr. n. 207/10), nella Legge n. 241/90 e nel Dpr. n. 380/01.

In particolare, il Dpcm. consente di stipulare il contratto di appalto (e consegnare i relativi lavori) immediatamente dopo l’aggiudicazione definitiva e introduce semplificazioni dei controlli sugli atti delle procedure di affidamento, prevede la riduzione dei termini di ricezione delle domande di partecipazione e di ricezione delle offerte, nonché l’estensione dei casi in cui è possibile procedere agli interventi edilizi in assenza di permesso di costruire.

Si segnala che il Dpcm. è approdato in Gazzetta ben oltre il termine ultimo concesso agli Enti Locali per poter procedere all’affidamento dei lavori, vale a dire il 28 febbraio 2014. Per tale scadenza – introdotta dal citato “Decreto del fare” e richiamata anche nelle premesse del Dpcm. stesso – lo sforamento comporta, ai sensi del citato comma 18-bis, la revoca dei finanziamenti. Sebbene il Miur avesse reso noto il contenuto del Decreto in questione sul proprio sito internet a fine gennaio, risulterebbe opportuno, in conseguenza della tardiva pubblicazione in Gazzetta, che il Ministero fornisse chiarimenti in merito e/o mettesse allo studio un’eventuale proroga della citata scadenza.


Tags assigned to this article:
scuolesicurezza

Related Articles

Ici: legittima la presunzione di assenza del requisito di dimora abituale nell’immobile basata sul basso consumo di energia elettrica

 Nella Sentenza n. 782 dell’11 febbraio 2016 della Ctr Lombardia, secondo la Commissione adita, la presunzione di assenza della dimora

Predisposizione e approvazione del Piano di dimensionamento della rete scolastica: la competenza è della Giunta provinciale

Nella Sentenza n. 226 del 21 giugno 2016 del Tar Abruzzo, i Giudici si esprimono sul Piano di dimensionamento della rete

Trasferimenti erariali: disposto il saldo 2017 degli oneri di stabilizzazione per il personale ex Eti

Il Ministero dell’Interno – Direzione centrale per la Finanza locale, con il Comunicato 26 ottobre 2017 ha reso noto di

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.