Mobilità personale P.A.: stato dell’arte e criticità del processo di ricollocazione del personale degli Enti di Area vasta

Mobilità personale P.A.: stato dell’arte e criticità del processo di ricollocazione del personale degli Enti di Area vasta

La “Legge di stabilità 2015”, ai commi 424 e 425, recitava testualmente: “Le Regioni e gli Enti Locali, per gli anni 2015 e 2016, destinano le risorse per le assunzioni a tempo indeterminato, nelle percentuali stabilite dalla normativa vigente, allimmissione nei ruoli dei vincitori di concorso pubblico collocati nelle proprie graduatorie vigenti o approvate alla data di entrata in vigore della presente legge e alla ricollocazione nei propri ruoli delle unità soprannumerarie destinatarie dei processi di mobilità. Esclusivamente per le finalità di ricollocazione del personale in mobilità le Regioni e gli enti locali

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Elezioni politiche del 4 marzo 2018: lavoro straordinario, retribuzione e riposi compensativi per le operazioni elettorali

Il 4 marzo 2018 si svolgeranno le Elezioni per il rinnovo del Parlamento, abbinate, in Lazio e in Lombardia, con

Contenzioso tributario: nel 2019 calano le controversie tributarie pendenti

È stato pubblicato sul sito web istituzionale del Mef il Comunicato-stampa n. 54 del 20 marzo 2020, rubricato “Rapporto trimestrale

Il contratto a tempo determinato dal Dlgs. n. 75/15 all’ipotesi di Ccnl. Comparto “Funzioni locali”: note di prima lettura

Il Dlgs. n. 75/17, con l’art. 9, interviene, attraverso una parziale riscrittura dell’art. 36 del Dlgs. n. 165/01, sulla disciplina