Mobilità personale P.A.: stato dell’arte e criticità del processo di ricollocazione del personale degli Enti di Area vasta

Mobilità personale P.A.: stato dell’arte e criticità del processo di ricollocazione del personale degli Enti di Area vasta

La “Legge di stabilità 2015”, ai commi 424 e 425, recitava testualmente: “Le Regioni e gli Enti Locali, per gli anni 2015 e 2016, destinano le risorse per le assunzioni a tempo indeterminato, nelle percentuali stabilite dalla normativa vigente, allimmissione nei ruoli dei vincitori di concorso pubblico collocati nelle proprie graduatorie vigenti o approvate alla data di entrata in vigore della presente legge e alla ricollocazione nei propri ruoli delle unità soprannumerarie destinatarie dei processi di mobilità. Esclusivamente per le finalità di ricollocazione del personale in mobilità le Regioni e gli enti locali

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Related Articles

Memorizzazione elettronica e trasmissione telematica dei dati dei corrispettivi giornalieri: diffuse le modifiche alle disposizioni attuative

L’Agenzia delle Entrate, con il Provvedimento 18 aprile 2020, ha rivisto le disposizioni normative introdotte dal Provvedimento n. 182017/2016, in

Appalti: non può essere sostituita l’ausiliaria carente dei requisiti generali

Qualora in sede di verifica sul possesso dei requisiti emerga un riscontro negativo a carico dell’Impresa ausiliaria (nel caso, era

“Federalismo demaniale”: oltre 2.500 gli immobili devoluti dallo Stato agli Enti Locali

Con i trasferimenti operati nell’arco dell’ultimo mese, la quota complessiva degli immobili devoluti dallo Stato agli Enti Locali ha superato quota 2.500.