Mobilità tra Società partecipate: non si applica al personale dei Consorzi

Mobilità tra Società partecipate: non si applica al personale dei Consorzi

Il Parere n. 9 del 5 marzo 2015 della Corte dei conti – Sezione Autonomie riguarda la corretta applicazione della disciplina recata dall’art. 1, commi 563-568, della Legge n. 147/13, in materia di mobilità del personale dipendente da Società controllate direttamente o indirettamente dalle Pubbliche Amministrazioni di cui all’art. 1, comma 2, del Dlgs. n. 165/01, o dai loro Enti strumentali.

La Sezione afferma che al personale dipendente dai Consorzi e segnatamente da quelli di sviluppo industriale non si estende la disciplina recata dall’art. 1, commi 563-568, della Legge n. 147/13.

La Corte infatti ritiene di stretta interpretazione le norme

Per vedere questi contenuti è necessario essere registrati. Premere Login per accedere o per attivare un abbonamento gratuito di prova.

Tags assigned to this article:
Corte dei contimobilitàsocietà partecipate

Related Articles

Revisori Enti Locali: emanato il Decreto con l’Elenco valido a partire dal 1° gennaio 2019

Il Ministero dell’Interno – Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali, Direzione centrale della Finanza locale, ha pubblicato il 21

“E-fattura”: sarà possibile affidarne l’emissione ad intermediari anche se non abilitati ai fini fiscali?

Il testo del quesito: “Con riferimento al nuovo obbligo di fatturazione elettronica, abbiamo dato in gestione ad un concessionario abilitato

Ici: anche gli immobili del Comune scontano l’Imposta

Oggetto della presente trattazione è la Sentenza della Corte di Cassazione 9 marzo 2018, n. 5765, mediante la quale i