Monitoraggio opere pubbliche: le istruzioni RgS sulle modalità operative

Il Ministero dell’Economia e delle Finanze – Dipartimento della Ragioneria generale dello Stato, con la Circolare n. 14 dell’8 aprile 2014, pubblicata il 5 maggio 2014 sul proprio sito internet, ha illustrato le modalità operative del monitoraggio delle opere pubbliche di cui al Dlgs. n. 229/11.

Ricordiamo che il “Sistema di monitoraggio delle opere pubbliche” è stato istituito con lo scopo di migliorare la gestione delle risorse finanziarie destinate al finanziamento e alla realizzazione delle stesse e ad aumentare la trasparenza complessiva del Settore. Le Amministrazioni cui si applicano le disposizioni del citato Dlgs. n. 229/11 sono le P.A. di cui all’art. 1, comma 2, della Legge n. 196/09 e i soggetti diversi dalle P.A. che siano destinatari di finanziamenti ed agevolazioni a carico del bilancio dello Stato finalizzati alla realizzazione di opere pubbliche. Questi soggetti sono tenuti ad aggiornare un Sistema gestionale informatizzato contenente le informazioni anagrafiche, finanziarie, fisiche e procedurali relative alla pianificazione e programmazione delle opere e dei relativi interventi, nonché all’affidamento ed allo stato di attuazione di tali opere ed interventi, a partire dallo stanziamento iscritto in bilancio fino ai dati dei costi complessivi effettivamente sostenuti in relazione allo stato di avanzamento delle opere.

La comunicazione delle informazioni (di cui al Dm. Mef 26 febbraio 2013 e al Dm. Mef 1° agosto 2013) alla “Banca dati unitaria delle Amministrazioni pubbliche” è un presupposto per l’erogazione del finanziamento dello Stato e l’adempimento degli obblighi di comunicazione è verificato all’atto del controllo sull’erogazione del finanziamento dai competenti Uffici preposti al controllo di regolarità amministrativa e contabile.

Oggetto della rilevazione sono le opere pubbliche, in corso di progettazione o realizzazione a partire dalla data del 21 febbraio 2012, fatta eccezione per le opere di manutenzione ordinaria.

Le informazioni, individuate dal Dm., dovranno essere inviate con le seguenti scadenze:

Primo invio

a)    rilevazione dello stato di attuazione delle opere riferite al 30 giugno 2014 con comunicazione dei dati a partire dal 30 settembre 2014 entro i successivi 30 giorni (30 settembre-31 ottobre);

Successivi invii

b)   rilevazione dello stato di attuazione al 31 dicembre 2014 con comunicazione dei dati dal 1° al 30 gennaio 2015;

c)    le successive comunicazioni avranno cadenza trimestrale.

Per ulteriori dettagli e istruzioni, rimandiamo alla consultazione della Circolare disponibile sul sito della Ragioneria generale dello Stato e sul sito www.entilocaliweb.it.


Tags assigned to this article:
Opere pubbliche

Related Articles

Varianti in corso d’esecuzione: presupposti legittimanti

Nella Delibera n. 1203 del 23 novembre 2016 dell’Anac, un’azienda ha richiesto un parere in ordine ad un appalto per

Responsabilità: condanna di Amministratori e Dirigente di un Comune per irregolarità in una gara d’appalto relativa ad autovelox

Corte dei conti – Sezione giurisdizionale regionale per la Campania, Sentenza n. 959 del 16 luglio 2013 Oggetto Condanna di

Applicazione dell’art. 33, comma 3-bis, del “Codice dei Contratti pubblici” ai Servizi di accertamento e riscossione delle entrate degli Enti Locali

Con il Comunicato 22 dicembre 2015, il Presidente dell’Anac rende noto che l’Associazione nazionale Aziende concessionarie Servizi entrate Enti Locali

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.