Mutui Enti territoriali: in calo debito residuo e stock prestiti obbligazionari

Mutui Enti territoriali: in calo debito residuo e stock prestiti obbligazionari

Il debito residuo al 1° gennaio 2016 è pari a 54,2 miliardi di Euro, contro i 56,7 miliardi di un anno prima. Questo uno dei dati emersi dall’aggiornamento dell’indagine statistica sull’entità dei mutui concessi alle Regioni, alle Province autonome ed agli Enti Locali per il finanziamento degli investimenti pubblici e sul livello della relativa esposizione debitoria, pubblicato dal Mef-Ragioneria generale dello Stato il 29 maggio 2017.

Il Documento è basato sull’analisi dei dati acquisiti da un campione di Istituti finanziatori residenti in Italia, costituito da 52 Istituti di credito e dalla Cassa Depositi e Prestiti.

L’indagine mostra un decremento dello stock delle passività a carico degli Enti territoriali relativamente ai mutui: considerando congiuntamente Regioni ed Enti Locali, il debito residuo al 1° gennaio 2016 è pari a 54,2 miliardi di Euro a fronte dei 56,7 miliardi registrati al 1° gennaio 2015, con un decremento dello 0,15% del Pil; analogamente il debito residuo al 1° gennaio 2017 decresce rispetto all’anno precedente ed ammonta a 52,9 miliardi di Euro, con un decremento dello 0,13% del Pil. In calo anche lo stock dei prestiti obbligazionari, che al 1° gennaio degli anni 2015, 2016 e 2017 è pari, rispettivamente, a 9,5 miliardi, 8,1 miliardi e 7,7 miliardi.

Le Tabelle contenute nel Volume sono disponibili anche in formato elaborabile, così come la ricostruzione in serie storica di tutte le variabili oggetto di rilevazione distinte per Regione.


Related Articles

Ordinanze sindacali contingibili e urgenti e normativa statale

Nella Sentenza n. 733 del 22 maggio 2020 del Tar Bari, i Giudici chiariscono che, in caso di emergenza epidemiologica

“Contributo di costruzione”: si applicano le tariffe vigenti al tempo dell’emanazione del “permesso a edificare”

Nella Sentenza n. 597 del 26 settembre 2017 del Tar Sardegna, la questione controversa in esame riguarda l’individuazione di quale

“Def 2018”: la previsione di crescita del Pil dell’anno corrente è dell’1,5%

Il Consiglio dei Ministri, riunitosi il 26 aprile 2018, ha approvato, su proposta del Presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni, e