No alla rimozione dello scritto di un defunto se non c’è effettivo interesse da tutelare

No alla rimozione dello scritto di un defunto se non c’è effettivo interesse da tutelare


Un uomo si è rivolto al Garante per la Protezione dei dati personali chiedendo che fosse ordinato al titolare di un sito internet e a Google di rimuovere un articolo redatto dal padre defunto, ritenendolo lesivo dei suoi diritti e di altri familiari. Mentre Google aveva già deindicizzato l’url dell’articolo, il sito si era opposto alla rimozione del contenuto. Il Garante, con provvedimento del 29 ottobre 2020, ma diffuso il 23 dicembre scorso ha ribadito che, per far rimuovere dal web un articolo di un defunto, occorre che ci sia un effettivo interesse da tutelare e non vi siano ragioni rilevanti che entrino in conflitto con la rimozione dello scritto.

Nel ricostruire la vicenda, il Garante sottolinea che fino al momento della morte, per malattia, a dieci anni di distanza dalla pubblicazione dello scritto, il padre del ricorrente non avrebbe mai richiesto la rimozione di quanto pubblicato, né avrebbe manifestato la volontà di disconoscerne il contenuto, volontà della quale non è stata presentata dal figlio prova documentale. Pertanto, non può ritenersi dimostrata la sussistenza di un interesse proprio dell’autore dell’articolo alla sua cancellazione che, di contro, conserva invece un proprio valore storico quale testimonianza di vita e di libera espressione del pensiero. Secondo il Garante occorre, dato il tempo decorso dalla pubblicazione dello scritto e della morte del suo autore, trovare una sintesi tra l’esigenza di conservazione dell’integrità della testimonianza e la diffusione in rete di informazioni relative a vicende familiari che riguardano anche il figlio che ha presentato ricorso. Per questo l’Autorità ha stabilito di ritenere infondata la richiesta di cancellazione dell’articolo pubblicato sul sito, ma ha ordinato al gestore di adottare delle misure tecniche idonee a inibire l’indicizzazione dell’articolo tramite motori di ricerca esterni al sito.

di Elisa Gentilini


Related Articles

“Data breach”: multa da 600.000 Euro ad un Istituto di credito

Il Garante Privacy, con il Provvedimento n. 99/2020 di Ordinanza ingiunzione, al termine di una complessa istruttoria riguardante un data

Consenso per utilizzo dati personali: con una sanzione il Garante ricorda che è sempre necessario ottenerlo anche se per divulgazione scientifica

È sempre necessario richiedere il consenso per il trattamento di informazioni e dati personali che fanno riferimento alla salute di

Non ci sono commenti per questo articolo

Scrivi un commento
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Only registered users can comment.