Nomina Dirigenti senza concorso: la Corte Costituzionale sancisce l’illegittimità dell’art. 8, comma 24, del Dl. n. 16/12

Nomina Dirigenti senza concorso: la Corte Costituzionale sancisce l’illegittimità dell’art. 8, comma 24, del Dl. n. 16/12

Nella Sentenza n. 37 del 17 marzo 2015 della Corte Costituzionale, i Giudici si sono espressi sull’art. 8, comma 24, del Dl. n. 16/12 (“Disposizioni urgenti in materia di semplificazioni tributarie, di efficientamento e potenziamento delle procedure di accertamento”), convertito con modificazioni dall’art. 1, comma 1, della Legge n. 44/12. Nello specifico, i Giudici hanno rilevato che il conferimento di incarichi dirigenziali nell’ambito di un’Amministrazione pubblica debba avvenire previo esperimento di un pubblico concorso, e che il concorso sia necessario anche nei casi di nuovo inquadramento di dipendenti già in servizio. Inoltre, i Giudici hanno sancito che anche il passaggio a una fascia funzionale superiore determini l’accesso a un nuovo posto di lavoro corrispondente a funzioni più elevate, ed è soggetto pertanto, quale figura di reclutamento, alla regola del pubblico concorso. 

In sostanza, la Corte Costituzionale ha affermato l’illegittimità dell’art. 8, comma 24, del Dl. n. 16/12 e le successive proroghe che hanno consentito la nomina di Funzionari come Dirigenti nelle Agenzie fiscali senza concorso. Con la Sentenza in questione decadranno dall’incarico diversi Dirigenti delle Agenzie delle Entrate e delle Dogane attualmente inseriti in organico sulla base di un contratto a termine senza un concorso.

Sentenza n. 37 del 17 marzo 2015 – Corte Costituzionale


Related Articles

Iva: i versamenti in eccesso su fatture in “split payment” afferenti all’ambito istituzionale si recuperano versando di meno successivamente

L’Agenzia delle Entrate, con la Risposta all’Istanza di Interpello n. 378 del 18 settembre 2020, ha fornito indicazioni ad un

Pagamenti elettronici: emanate le nuove “Linee-guida” Agid

Continua senza sosta il lavoro dell’Agid (Agenzia per l’Italia digitale) per l’attuazione del “Piano triennale per la digitalizzazione della Pubblica

Mancata stipula contratto: anche se non specificato nel bando, il concorrente può essere condannato a pagare cauzione

Nella Sentenza n. 3755 del 26 giugno 2016 del Consiglio di Stato, Sezione Terza, i Giudici rilevano che per la