Notifica della cartella di pagamento: non è necessario che l’Agente della riscossione produca la copia

Notifica della cartella di pagamento: non è necessario che l’Agente della riscossione produca la copia

Nell’Ordinanza n. 3212 del 7 febbraio 2017 della Corte di Cassazione, i Giudici di legittimità rilevano che nei giudizi in cui si contesti la notifica della cartella di pagamento, non sussiste un onere, in capo all’Agente della riscossione, di produrre in giudizio la copia integrale della cartella stessa. Ciò perché la cartella esattoriale non è altro che la stampa del ruolo in unico originale notificata alla parte, ed il titolo esecutivo è costituito dal ruolo. L’Amministrazione non è quindi in grado di produrre le cartelle esattoriali, il cui unico originale è in possesso della parte debitrice. Inoltre, la Suprema Corte precisa che l’atto pervenuto all’indirizzo del destinatario deve ritenersi ritualmente consegnato a quest’ultimo, stante la presunzione di conoscenza di cui all’art. 1335 del Cc.,superabile solo se il medesimo dia prova di essersi trovato senza sua colpa nell’impossibilità di prenderne cognizione.

Ed ancora i Giudici di legittimità chiariscono che la prova dell’arrivo della raccomandata fa presumere, ex art. 1335 del Cc., l’invio e la conoscenza dell’atto, spettando al destinatario l’onere eventuale di provare che il plico non conteneva l’avviso.

In conclusione, la Suprema Corte afferma che in tema di notifica della cartella esattoriale (art. 26, comma 1, del Dpr. n. 602/73) la prova del perfezionamento del procedimento di notificazione e della relativa data è assolta mediante la produzione dell’avviso di ricevimento, non essendo necessario che l’Agente della riscossione produca la copia della cartella di pagamento, la quale, una volta pervenuta all’indirizzo del destinatario, deve ritenersi ritualmente consegnata a quest’ultimo, stante la presunzione di conoscenza di cui all’art. 1335 del Cc., superabile solo se il medesimo fornisca la prova di essersi trovato senza sua colpa nell’impossibilità di prenderne cognizione.


Related Articles

Imposta di bollo: assolvimento in caso d’uso sulle perizie asseverate

L’Agenzia delle Entrate, con la Risposta all’Istanza di Interpello n. 461 del 9 ottobre 2020, ha fornito chiarimenti sull’assolvimento dell’Imposta

Processo tributario: legittima la Pronuncia del Giudice d’appello basata su una ricostruzione autonoma e diversa da quella formulata dalle parti

In tema di giudizio di appello, il principio della corrispondenza tra il chiesto e il pronunciato, come il principio del

Durc on line: Convenzione Inps-Inail per l’accesso degli Enti pubblici

Inps e Inail hanno adottato una Convenzione-quadro rivolta agli Enti pubblici e finalizzata a fornire un servizio in cooperazione applicativa